Volley, Final Four Champions League CEV: la finale sarà Kazan-Perugia

Strepitosa giornata di Final Four a Roma: Kazan batte agevolmente Berlino, Perugia trionfa al tie-break nel derby italiano con Civitanova.

Perugia è in finale di Champions League, affronterà lo Zenit Kazan

98 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Premessa. È stata una giornata di volley fantastica, in un PalaLottomatica di Roma pieno zeppo di persone festanti e di colori. Una vera e propria dimostrazione che la pallavolo è uno sport meraviglioso capace di regalare grandissime emozioni.

Il campo ha emesso il suo verdetto: in finale di Champions League CEV ci andranno Zenit Kazan (vincente per 3-0 contro Berlino) e Perugia, uscita trionfante dal derby italiano contro Civitanova al termine di una partita meravigliosa conclusasi al tie-break. Prima finale nella storia per gli umbri, mentre per i marchigiani sfuma il sogno triplete. 

Semifinale Champions League CEV, Zenit Kazan facile su Berlino 3-0

Non c'è stata storia nella prima delle due semifinali di queste Final Four di Champions League CEV. I favoritissimi (e due volte campioni in carica) russi di Kazan si sono liberati senza problemi di Berlino, Cenerentola di questa competizione fermatasi così alla semifinale. Ma la squadra dell'allenatore italiano Roberto Serniotti esce a testa altissima da questa sfida. I tedeschi hanno dato filo da torcere allo Zenit nei primi due set (terminati rispettivamente 25-21 e 25-22) lasciandosi poi andare nel terzo, finito 25-13 con il cubano Wilfredo Leon vero trascinatore dei russi. Per la formazione allenata da Vladimir Alekno quella di domenica sera sarà la terza finale di Champions consecutiva, e se dovesse arrivare la vittoria sarebbe il terzo titolo consecutivo.

Il derby italiano dice Perugia

La seconda semifinale, ovvero il derby italiano tra Perugia e Civitanova, è stato uno spot per il nostro movimento pallavolistico. Già dal primo set il clima è infuocato, sia sugli spalti che in campo. Le prime fasi del match sono contraddistinte da grande equilibrio, finché le giocate dello Zar Zaytsev (tra cui un ace battuto a oltre 120 km/h) non regalano l'allungo decisivo a Perugia, che chiude il primo set sul 25-19.

Il secondo parziale vede la reazione dei marchigiani, bravi a recuperare un leggero svantaggio iniziale e, grazie alle schiacciate di Juantorena e ai muri di Sokolov, a vincere per 25-22 mettendo la situazione in totale equilibrio.

Il terzo set è quasi esclusivamente di marca perugina. I ragazzi di Lorenzo Bernardi dominano sin dall'inizio arrivando fino al 12-4, subendo solo una piccola e lenta rimonta degli avversari a metà set che però non basta alla formazione di Blengini, sotto 2-1 e con le spalle al muro. A questo punto il quarto set risulta decisivo, ed è un set memorabile. Dopo essere stati avanti per tutto il set, Civitanova riesce a vincere 25-21 e a pareggiare nuovamente il match, mandando la sfida al tie-break.

Da segnalare, durante il quarto parziale, una scena che ha dell'incredibile: su una schiacciata di Sokolov sul 19-17, Zaytsev va a muro toccando nettamente con il corpo e mandando il pallone fuori. Erroneamente, però, l'arbitro assegna il punto a Perugia e nonostante il challenge chiamato dalla Lube il direttore di gara e i suoi assistenti confermano la loro decisione, scatenando le ire (piuttosto giustificate, a dir la verità) di tutto il popolo marchigiano. L'ultimo set inizia molto tirato, finché i colpi vincenti di Podrascanin e Atanasijevic mandano in finale Perugia, facendo esplodere gli oltre cinquemila umbri presenti al PalaLottomatica.

La finale

La finale della Champions League CEV sarà quindi tra i favoritissimi russi dello Zenit Kazan e la Sir Safety Perugia (diretta su Fox Sports alle 19). Mentre, come detto, per i primi essere in finale è consuetudine, per la squadra di Bernardi è la prima partecipazione ad una finale in tutta la loro storia. Portarsi a casa la coppa sarebbe una vera e propria impresa, ma recuperare tutte le energie spese nel derby non sarà semplice. In questo sport tutto è possibile e la prospettiva di una finale di questo livello sarà sicuramente uno stimolo per gli umbri, vogliosi di entrare nella storia.

Vota anche tu!

Riuscirà Perugia a battere Kazan?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.