La Copa America apre al mondo: nel 2019 anche Italia, Francia e Spagna?

Il Conmebol ha deciso di ampliare il numero di partecipanti da 10 a 16. Nel 2019 in Brasile dovrebbero essere invitate anche le squadre dei paesi latini dell’Europa.

Copa America

977 condivisioni 0 commenti

di

Share

Cambia il mondo e cambia anche la Copa America. Lo ha deciso il Conmebol, la Federazione delle Nazionali di calcio del Sudamerica. Il più antico trofeo calcistico continentale per nazioni si disputa dal 1916, quando fu giocata in Argentina la prima delle 45 edizioni che ne costituiscono la storia, lunga ormai più di un secolo.

La denominazione attuale fu scelta soltanto a partire dal 1975. Agli albori fu Campeonato Sudamericano de Football: forse nemmeno gli organizzatori di quell’edizione ridotta del 1916 – parteciparono solo Argentina, Brasile Cile e Uruguay, le sole selezioni esistenti a quell’epoca – si rendevano conto che stavano mettendo in moto qualcosa che avrebbe contribuito a fare la storia del calcio mondiale.

Primo vincitore fu l’Uruguay, tuttora primatista con 15 vittorie davanti all’Argentina con 14 e al Brasile con 8. Non è mai stato facile mettere d’accordo nazioni che nel secolo scorso hanno attraversato profonde divisioni. Infatti il Campeonato Sudamericano ha avuto cadenze molto diverse e spezzettate, arrivando quasi sull’orlo dell’estinzione quando, a partire dal 1967, si fermò per ben otto anni Riprese solo nel 1975 con una nuova formula e il nuovo nome: Copa America.

L'Uruguay del 1916
La squadra dell'Uruguay, vincitrice della prima edizione in Argentina nel 1916

La Copa America apre al mondo

Da allora la Copa America venne giocata con maggiore regolarità, anche se non assoluta, quasi sempre ogni due anni e quasi sempre negli anni dispari fra le 10 Nazionali del Sudamerica e cioè Argentina, Brasile, Cile, Uruguay, Paraguay, Colombia, Perù, Venezuela, Ecuador e Bolivia, con l’allargamento al Messico e di volta in volta ad altre selezioni fra le quali Stati Uniti, Costarica, Haiti etc.

Ieri a Santiago del Cile la Conmebol ha preso una decisione storica. Il format fisso della Copa America cambia già dalla prossima edizione, prevista in Brasile nel 2019. Da 10 squadre si passa stabilmente a 16 e i 6 posti in più saranno riservati a selezioni europee, del Concacaf e asiatiche, con l’idea di invitare in primis le quattro rappresentanti dell’Europa latina: Italia, Francia, Spagna e Portogallo.

Italia-Uruguay in Copa America?
Italia-Uruguay potrebbe essere una delle sfide della prossima Copa America

Dal 2020 sempre in anni pari

Qual è il senso di questa globalizzazione della Copa America, quali sono i motivi di un allargamento che toglierebbe ogni riferimento geografico al nome stesso del trofeo? La risposta arriva da Globoesporte:

Il principale argomento a favore dell’allargamento della Copa America è meramente finanziario, come per la Coppa del Mondo, passata da 32 a 48 nazionali. Più squadre, più partite, più soldi.

Francia o Spagna purché se magna, insomma. Ma Conmebol ha preso anche un’altra decisione che rischia di precludere la presenza delle Nazionali europee al torneo sudamericano: dal 2020, infatti, la Copa America si giocherà ogni 4 anni negli anni pari, gli stessi del Campionato Europeo anche se, fa sapere il Comitato, non necessariamente nelle stesse date.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.