Il Barcellona denuncia il presidente del Malaga Al-Thani per un tweet

In vista dell'ultima giornata di Liga, quando gli andalusi ospiteranno il Real Madrid, si scatena la lite tra i blaugrana e lo sceicco, che li ha definiti "feccia".

244 condivisioni 0 commenti 1 stella

di

Share

L'ultima giornata di campionato infiamma già la Liga. Ma come, non mancano ancora quattro turni? Già, anzi nel caso del Real Madrid sono ancora cinque le partite da disputare: i blancos devono recuperare il match rinviato in casa del Celta Vigo. Con più di tre settimane di anticipo, però, è già il calendario del 21 maggio a prestare il fianco alle polemiche e ora anche alle carte bollate. Il Barcellona ha infatti deciso di denunciare il presidente del Malaga, Abdullah Al-Thani.

A scatenare la rabbia del club culé, un tweet con cui lo sceicco numero della società andalusa rispondeva a un tifoso blaugrana. Nella fatidica ultima giornata, i Boquerones ospiteranno in casa proprio il Real: un match che potrebbe risultare decisivo per il titolo, con il blancos e il Barça attualmente a pari punti in testa alla classifica.

Inevitabile, per il popolo azulgrana, sperare in un passo falso delle merengues alla Rosaleda. Anche se lo stesso Luis Enrique ha fatto capire ieri, nella conferenza dopo la vittoria contro l'Osasuna, di non confidare molto in un "favore" da parte della formazione guidata dall'ex bandiera del Real, Michel. Il quale, a sua volta, ha contribuito a scaldare il clima nella lunga vigilia che porterà fino alla 38ª giornata di Liga. Insomma, un botta e risposta senza esclusioni di colpi sull'asse Catalogna-Andalusia, sfociato nel duro comunicato del Barcellona contro Al-Thani.

Il comunicato del Barcellona contro il presidente del Malaga Al-Thani

Partiamo allora dall'ultimo capitolo di questo clamoroso braccio di ferro, dal comunicato cioè emesso dai blaugrana sul proprio sito ufficiale:

Il Barcellona esprime il proprio rifiuto e la propria indignazione per il contenuto del tweet pubblicato dal presidente del Malaga CF, Abdullah Al-Thani, con dichiarazioni che violano i principi del fair play, dell'etica e della legalità che devono sempre regnare in una competizione sportiva. Per questo motivo, il Club denuncerà questo episodio di fronte il Comitato Antiviolenza del Consiglio Superiore dello Sport e porterà la questione davanti al Comitato di Competizione della Reale Federazione Spagnola di Calcio e al Dipartimento d'Integrità della Liga.

Una rabbia furiosa, che nasce appunto dall'uscita dello sceicco proprietario del club su Twitter. A un tifoso del Barça che gli chiedeva di battere il Real all'ultima giornata, Al-Thani ha replicato in arabo con un messaggio che suona così:

La feccia della Catalogna non insozzerà il campionato dopo aver mentito sul nostro allenatore Michel.

Parole pesanti, che hanno fatto stimolato il pugno duro del Barcellona. Il riferimento al tecnico del Malaga è relativo, come anticipato, alla battuta che l'ex colonna del Real aveva concesso in un'intervista radiofonica a Onda Cero: Michel si definiva sorridendo più "madridista di Valdano", capace di far perdere due titoli consecutivi al suo amato Real tra il 1992 e il 1993, quando sedeva sulla panchina del Tenerife. L'allenatore dei Boquerones ha poi assicurato con tono più serio che punterà come sempre a vincere, senza riuscire a evitare però la reazione - anch'essa ironica - di Luis Enrique:

Se mi aspetto un favore dal Malaga? Se mia nonna aveva le ruote, era una bici...

Si arriva così all'ultimo atto, in ordine cronologico, di questa contesa verbale tra blaugrana e andalusi: la denuncia nei confronti di Al-Thani. E pensare che, sempre in casa del Malaga, c'è chi si augura esplicitamente di battere il Real Madrid. Si tratta di Sandro Ramirez, attaccante dei biancazzurri cresciuto nella cantera del Barça, che al programma "El Partizado de COPE" ha dichiarato:

Spero che il Real venga qui da noi giocandosi il tutto per tutto, che li batteremo e che il Barcellona vinca la Liga. Battere il Madrid e il Barça nello stesso anno sarebbe un traguardo eccezionale. E se potrò aiutare la squadra che mi ha dato tutto a vincere la Liga, ancora meglio.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.