Liga, la volata: il calendario di Real Madrid e Barcellona a confronto

Dopo la vittoria nel Clasico, il Barcellona ha raggiunto il Real Madrid in testa alla classifica della Liga. Ecco le il confronto dei rispettivi calendari: i Blancos hanno disputato una partita in meno.

618 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Dopo l'incredibile vittoria al novantuaduesimo minuto del Barcellona sul Real Madrid, le due grandi di Spagna si ritrovano a pari punti in testa alla classifica della Liga. Con l'Atletico Madrid terzo, a 7 lunghezze di distanza, è ormai certo che la lotta per il campionato spagnolo sarà un testa a testa fra la squadra di Luis Enrique e quella di Zidane.

A cinque giornate dalla fine e con una partita da recuperare per il Real Madrid, il calendario delle due squadre presenta insidie per entrambe: il derby con l'Espanyol potrebbe far riaffiorare in casa Barcellona i fantasmi del Tamudazo, mentre al Bernabeu arriveranno squadre ostiche come Valencia e Siviglia.

Le variabili più importanti nel confronto fra Barça e Real sembrano essere principalmente due: la partita in meno che i campioni d'Europa in carica recupereranno il 17 maggio in casa del Celta Vigo e l'impegno dei blancos nella semifinale di Champions League contro l'Atletico Madrid che, a prescindere dal risultato, si preannuncia molto dispendiosa. Ecco il confronto del cammino che aspetta Real Madrid e Barcellona, da qui alla fine del campionato.

Per il Barcellona decisivo il derby, il Real Madrid si gioca la Liga in trasferta

I giocatori di Real Madrid e Barcellona dopo il match del Bernabeu
Barcellona e Real Madrid si sfidano per la conquista della Liga

34esima giornata: Barcellona-Osasuna e Deportivo La Coruna–Real Madrid

Turno che sulla carta pare abbastanza agibile per entrambe le squadre. Il Barcellona ospiterà l’Osasuna ultimo in classifica e ormai virtualmente retrocesso. La squadra dell’allenatore a interim Vasiljevic sta comunque giocando con orgoglio, ma sembra improbabile che possa portare via punti dal Camp Nou. Il Real invece fa visita al Deportivo. Il Riazor è sempre uno stadio caldo, ma i padroni di casa sono in un momento difficile e faticano a fare punti: solo 5 quelli raccolti nelle ultime 7 partite.

35esima giornata: Espanyol–Barcellona e Real Madrid–Valencia

Il turno in cui si potrebbe decidere il campionato. Il derby di Barcellona può essere uno scoglio importante per i blaugrana, con l’Espanyol che ha vinto 4 delle ultime 5 partite giocate in casa e sarà motivatissimo nel voler ostacolare gli odiati “cugini” nella corsa al titolo. Con il sogno, magari, di ripetere l'impresa dell'ormai celebre Tamudazo, il derby pareggiato al 90esimo minuto da un gol, il secondo, di Raul Tamudo che costò la Liga al Barcellona nel 2007. Non meno difficile il compito del Real Madrid che ospita il Valencia che non ha più molto da chiedere alla sua stagione ma che ha le qualità, specialmente in attacco, per far male al Real Madrid, senza dimenticare che solo quattro mesi fa è stato capace di battere i blancos in casa per 2-1.

36esima giornata: Barcellona-Villarreal e Granada-Real Madrid

In questa giornata il Villarreal andrà a far visita al Barcellona e potrebbe rappresentare un avversario ostico, specialmente se arriverà ancora coinvolta nella rincorsa al quarto posto valido per l’accesso in Champions League. Occhio alla velocità di Bakambu, che potrebbe sfruttare la fragilità della difesa alta dei catalani. La trasferta del Real Madrid in casa del Granada sembra molto più agevole, considerando che la squadra di Tony Adams è stata travolta per 5-0 all’andata e potrebbe arrivare a questa terzultima giornata già matematicamente retrocessa in Segunda Division.

37esima giornata: Real Madrid-Siviglia e Las Palmas–Barcellona

Altro turno importante: al Bernabeu arriva il Siviglia che avrà probabilmente bisogno di punti per dare la caccia al terzo posto e in questa stagione i blancos hanno dimostrato di soffrire la squadra di Sampaoli nella sconfitta della gara di andata. Inoltre andrà valutata la condizione generale degli uomini di Zidane, perché questa partita arriva pochi giorni dopo il ritorno della semifinale di Champions League del Real Madrid contro l’Atletico. Il Barcellona va a giocare in casa del Las Palmas in una gara che può diventare insidiosa, con i canari che hanno un Boateng che sa come si fa male al Barça e il canterano madridista Jése Rodriguez, che potrebbe essere molto motivato dal frenare i rivali della squadra in cui è cresciuto.

Recupero della 21esima giornata: Celta Vigo–Real Madrid

Recupero della partita del rinviata a febbraio, questo match è quello che potrebbe far pendere l’ago della bilancia verso i campioni d'Europa. La trasferta a Vigo è ampiamente alla portata della squadra di Zidane, ma c’è l’incognita della stanchezza per entrambe le squadre che per via delle semifinali di Europa League e Champions League avranno speso molte energie. Senza dimenticare che il Celta Vigo è la squadra che ha eliminato il Real Madrid dalla Coppa del Re di quest'anno.

38esima giornata: Malaga-Real Madrid e Barcellona–Eibar

L’ultima giornata, in caso di verdetto ancora in bilico, potrebbe riservare qualche sorpresa, specialmente al Camp Nou. L’Eibar è la sorpresa di quest’annata di Liga e se arrivasse a Barcellona ancora in corsa per un posto in Europa League, potrebbe diventare un ostacolo molto duro da superare per blaugrana, che in stagione hanno dimostrato di soffrire le squadre quadrate e organizzate come quella di Mendilibar. Più facile, sulla carta, la trasferta del Real Madrid a Malaga che però quest’anno si è già dimostrato capace di exlpoit non indifferenti contro le grandi, battendo in casa il Barcellona a inizio aprile.

Quindi, chi è favorito?

Tirando le somme, il calendario del Real Madrid sembra più ostico di quello del Barcellona: la squadra di Zidane, infatti, giocherà solo 2 partite su 6 al Santiago Bernabeu, entrambe contro squadre molto difficili come Valencia e Siviglia. La squadra di Luis Enrique avrà l’ostacolo più duro da superare nel derby in casa dell’Espanyol ma oltre a quello, è complicato pensare a dove possa perdere punti. Fondamentale sarà vedere quanto il derby europeo di Champions toglierà energie ai blancos e se questo dispendio fisico e mentale possa fargli lasciare qualche punto per strada. Anche se così fosse, il Barcellona dovrà comunque mantenere un ruolino di marcia quasi perfetto per approfittarne, vista la partita in meno da giocare. Infine, è importante ricordare che in caso di arrivo a pari punti, il titolo di campione di Spagna andrebbe ai blaugrana, in vantaggio negli scontri diretti dopo il pareggio dell'andata e la vittoria al ritorno in casa del Real Madrid.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.