Manchester United: il gol di Martial ti costerà 10 milioni di euro

Sono dieci i milioni di euro che il Manchester United dovrà versare nelle casse del Monaco dopo il gol rifilato da Martial al Burnley.

Anthony Martial, attaccante del Manchester United, e José Mourinho, tecnico dei Red Devils

1k condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Mai gol fu più salato per il Manchester United. Con lo 0-2 esterno rifilato al Burnley nel suo Turf Moor, i Red Devils saranno infatti costretti a versare nelle casse del Monaco qualcosa come 10 milioni di euro, al cambio circa 8,5 milioni di sterline. Perché? Presto detto. La rete siglata da Anthony Martial al 21' del primo tempo - e bissata da quella messa a segno da Wayne Rooney al 39' - è stata la marcatura n. 25 per il 21enne transalpino con la maglia dello United. Al raggiungimento di tale bottino, la squadra di Mourinho avrebbe dovuto ottemperare a uno dei bonus sottoscritti al momento dell'acquisto del giocatore, che venne strappato proprio al Monaco per la cifra monstre di 50 milioni di euro, più ulteriori 30 su base variabile. Sale dunque a 60 il costo totale del cartellino di Martial, con il Manchester United che si vedrà costretto a sborsarne ulteriori 10 se e quando il giocatore raggiungerà un totale di 25 presenze da almeno 45 minuti con la maglia della Francia( conteggiati dall'arrivo del ragazzo in Inghilterra).

Un'ulteriore tranche da 10 milioni scatterà qualora Martial venisse inserito nella rosa dei candidati al Pallone d'Oro. Ipotesi questa attualmente lontana, ma non utopistica se il francese raggiungerà la maturità utile a mettere in mostra tutte le qualità che lo resero uno dei craque europei più luminescenti della stagione 2014-2015. Se il club nel frattempo si prepara a saldare l'importo pattuito, sorride invece José Mourinho, che ritrova un giocatore che aveva alternato ottime cose ad altre meno belle. D'altronde, non bisogna certo essere dei gran tattici per comprendere come Martial riesca a rendere al meglio nel ruolo di punta centrale: la sua velocità e il suo spunto pazzesco, unite ad un senso del gol e a dei tagli molto spesso imprevedibili, lo rendono il prototipo perfetto del centravanti richiesto nel calcio del post-2000: mobile, scattante, dal baricentro bilanciato e tecnicamente dotato palla a terra. 

Insomma, non sarà Zlatan Ibrahimovic - così come non lo è senza dubbio Marcus Rashford -, ma vista la performance contro il Burnley non possiamo certo dire che Martial non sia adatto a ricoprire il ruolo di attaccante centrale nel tridente di questo Manchester United, già vincitore della Coppa di Lega. Con una classifica che vede la Mourinho's band ad un punto dalla qualificazione ai preliminari di Champions League e a 3 dall'accesso alla fase a gironi, c'è da aspettarsi un finale di stagione rovente.

Manchester United: finale di stagione da protagonista per Martial?

Con il terribile infortunio occorso a Zlatan Ibrahimovic, è probabile che Martial e Rashford si rimbocchino le maniche nel tentativo di offrire le migliori performance possibili. La staffetta tra i due vedrà probabilmente alternarsi anche la maglia da titolare, in vista di un rush finale che dovrà necessariamente sorridere ad un Manchester United ormai sulla via della completa maturazione.

Martial e Fellaini
Anthony Martial viene festeggiato dal compagno di squadra Marouane Fellaini, che esulta con lui dopo lo 0-1 parziale in Burnley-Manchester United.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.