UFC, Rockhold: "Silva ha accampato scuse per non affrontarmi"

No ad Anderson Silva, sì a Yoel Romero e Robert Whittaker. Luke Rockhold boccia l'atteggiamento del brasiliano, che ha rifiutato un match con lui a UFC 212.

Luke Rockhold, former UFC middleweight champion

55 condivisioni 0 commenti 3 stelle

di

Share

Non Luke Rockhold, né Vitor Belfort. Continua ad impazzare il toto-sfidante per Anderson Silva, che dopo la sospensione inflitta per assunzione di marijuana a Kelvin Gastelum resta attualmente senza avversario in vista di UFC 212. Si era parlato di un possibile match con Yoel Romero - attuale n.1 dei ranking pesi medi -, con il quale si è anche creato un curioso giallo. Nonostante infatti "The Spider" abbia aperto ad un incontro con il cubano, il manager di quest'ultimo ha smentito sin da subito tale tesi, a causa di un rifiuto rifilato proprio da Silva in sede privata. Tornando alle ipotesi Rockhold e Belfort, sarebbero state accantonate dall'ex campione pesi medi a causa dei recenti trend di quest'ultimi, reduci rispettivamente da una e due sconfitte in UFC. Silva, uscito vincitore da un incontro molto controverso contro Derek Brunson, ha esplicitamente chiesto un avversario dal ruolino di marcia positivo, ragion per cui è stato tirato fuori dalle ipotesi anche l'altro ex campione di categoria, ovvero quel Rockhold che si era detto ben disposto ad affrontare una vecchia gloria quale il brasiliano.

Il rifiuto di Silva ha però scatenato sin da subito l'ira di Rockhold, che non ha utilizzato giri di parole nel definire la scelta del quarantaduenne di San Paolo come "di comodo": affrontare colui che nel precedente incontro disputato ebbe la sfortuna di incappare nell'upset del secolo - così infatti fu definita dai media la vittoria di Bisping a UFC 199 - sarebbe stata una vera e propria missione suicida per Silva, che nonostante il grande talento ancora latente non sarebbe probabilmente stato all'altezza del compito. Dal canto proprio, Rockhold avrebbe avuto modo di testare nuovamente le sue qualità al rientro contro un avversario di valore, ma senza dubbio non irresistibile, viste le ultime débacle in cui l'amatissimo Anderson è incappato. La fase di stallo creatasi in vista di UFC 212 non ha poi fatto altro che aizzare ulteriormente gli animi, viste le continue titubanze di Silva nel prendere atto delle candidature propostegli dalla promotion in sostituzione di Gastelum.

We rollin

A post shared by Luke Rockhold (@lukerockhold) on

I microfoni di Submission Radio sono stati dunque lo strumento perfetto per Rockhold, che ha sfogato tutta la sua indignazione legata al rifiuto rifilatogli da Silva, chiarendo come esso abbia soltanto cercato scusanti poco credibili per celare la paura legata ad un confronto con uno dei pesi medi più forti attualmente in circolazione.

UFC, Rockhold: "Silva cerca scuse per non affrontarmi. Sì a Whittaker o Romero"

Come detto, Luke Rockhold ha ampiamente bocciato la condotta di Silva, aprendo al contempo però ad un match con Yoel Romero, valido per il titolo ad interim pesi medi. In alternativa, un'altra interessante candidatura potrebbe essere rappresentata da Robert Whittaker.

Credo che a Silva non piaccia l'idea di confrontarsi con me. A me hanno proposto il suo nome ed io non mi son posto particolari problemi nel dire di sì. Probabile che voglia rimettersi in gioco per il titolo, ma per far ciò avrà bisogno di affrontare i ragazzi che stanno più in alto di lui nei ranking. Se vuoi combattere ad alti livelli in UFC, è questo che devi fare. Dana era favorevole, la promotion idem, soltanto Anderson ha posto il suo veto. Whittaker, Romero? Vi dico la verità: sono alla ricerca di un incontro con uno tra questi top fighter, pur non chiamandoli direttamente in causa. Silva ha detto no, ed altri sono fuori dai giochi. Quindi, considerato anche il fatto che Romero vuole il titolo ad interim, perché non fare questo match, avendo così la certezza di affrontare il campione indiscusso nel combattimento successivo?

Interessanti aperture da parte di Rockhold, che potrebbe dunque affrontare uno tra Whittaker e Romero, con quest'ultimo che potrebbe anche giocarsi un titolo ad interim con il californiano. Seguiranno sicuramente aggiornamenti

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.