Thiago Alcantara salva il Bayern Monaco: 2-2 in casa col Mainz

Thiago Alcantara salva la faccia alla formazione di Carlo Ancelotti, alla prima uscita dopo l'eliminazione in Champions League con il Real Madrid.

743 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un copione praticamente identico a quello di un anno fa, fino al gol salva-faccia di Thiago Alcantara. Il Bayern Monaco non accontenta Carlo Ancelotti, che dopo l'eliminazione cocente e polemica dalla Champions League contro il Real Madrid, aveva chiesto ai suoi una vittoria contro il Mainz. All'Allianz Arena è invece la formazione di Martin Schmidt a sfiorare la vittoria per 2-1, proprio come nel marzo 2016: il bis non riesce, stavolta finisce invece 2-2.

Come un anno fa, ma anche come nella gara d'andata, sono gli Zerocinque a passare in vantaggio: la rete di Bojan dopo tre minuti si rivelerà a suo modo storica. Poi il pareggio di Robben e il nuovo vantaggio degli ospiti, con il rigore trasformato da Brosinski. Nel secondo tempo, come anticipato, chiude i conti Thiago Alcantara.

Per il Bayern Monaco - a quota 70 punti a quattro giornate dal termine - è un punto che ritarda solo di poco l'ipoteca finale sulla Bundesliga: in attesa del Lipsia, in campo domani contro lo Schalke, i punti di vantaggio sono ora nove. Pareggio comunque d'oro anche per il Mainz, che stacca l'Augsburg terzultimo e aggancia a 33 punti Wolfsburg e Amburgo.

Bayern Monaco in apnea, Bojan nella storia

Contate fino a tre, come i minuti che servono al Mainz per passare sorprendentemente in vantaggio. E a Bojan Krkic per entrare nella storia. Del calcio tedesco? No, di quello spagnolo: l'attaccante in prestito dallo Stoke City - alla prima rete in Germania - è il primo iberico ad aver segnato almeno un gol nei quattro maggiori campionati europei (Liga, Serie A, Premier League e appunto Bundesliga). L'ex Barça ci riesce grazie all'errore in alleggerimento di Vidal, che innesca la vena rapace del numero 10. Il Bayern Monaco incassa e riparte a testa bassa, ma per poco non subisce il raddoppio: al quarto d'ora serve la manona sicura di Ulreich - che sostituirà fino a fine stagione l'infortunato Neuer -a sbarrare la strada alla puntata di Öztunali. Per i bavaresi entra allora in soccorso la legge del "gol mangiato, gol subito": sul contropiede, Robben riceve da Ribery e batte con il sinistro in diagonale Huth per il suo 10° centro in campionato.

Il pareggio ovviamente non soddisfa i padroni di casa, Müller crea un paio d'occasioni interessanti che mancano di poco l'appuntamento con il vantaggio bavarese. La svolta del match però tarda ad arrivare, anzi: poco dopo la mezz'ora è ancora Bojan a sprecare un'ottima chance. Al minuto 40 non sbaglia invece l'arbitro Willenborg ad assegnare il rigore al Mainz, il primo subito in campionato dal Bayern: netto il calcione di Kimmich (entrato al posto dell'acciaccato Alaba) ai danni di Muto. Dal dischetto Ulreich intuisce ma non riesce a salvare il tiro incrociato di Brosinski, terzino al secondo gol in carriera. Il primo tempo termina così con lo stesso copione della sfida dello scorso anno: un 2-1 che vede incredibilmente avanti gli Zerocinque.

Ci pensa Thiago, ma la rimonta non è completa

Nella ripresa i bavaresi affondano le radici nella metà campo degli ospiti. Il più attivo è Koman, carta giocata da Ancelotti insieme a Xabi Alonso (fuori Ribery e un inconcludente Vidal). Il salvatore della patria si chiama però Thiago Alcantara. Il nazionale spagnolo fa le prove generali a inizio frazione, con una splendida sequenza di stop e tiro che chiama Huth al volo plastico. Il numero uno rossobianco non arriva però a deviare il destro incrociato che Thiago scaglia al 73', naturale conseguenza del forcing ripetuto del Bayern Monaco.

Per il numero 6 è il 5° centro in campionato, per i Roten è la 50ª rete stagionale all'Allianz Arena: un terreno fertile, non c'è che dire. Dopo il 2-2, i bavaresi proseguono in un arrembaggio che però non conduce ai tre punti desiderati. Rispetto a un anno fa, almeno, la squadra di Ancelotti evita un'ulteriore figuraccia interna contro la "bestia nera" Mainz. Le scorie dell'eliminazione dalla Champions League, in ogni caso, non sono state affatto smaltite.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.