UFC, Johnson: "Garbrandt non sarà il mio prossimo avversario"

Alla decima difesa titolata entra nella storia pareggiando il record di Anderson Silva. Ora Mighty Mouse punta alla leggenda.

UFC, Mighty Mouse

45 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo la storica decima difesa titolata che lo porta ad eguagliare il record di Anderson Silva, ex campione di lunga data dei pesi medi UFC, Demetrious Johnson pensa già al prossimo match.

La prossima difesa titolata del Topo Potente infatti, se a segno, entrerebbe nella leggenda. Con 11 difese titolate Johnson diverrebbe il campione che ha difeso più volte di tutti una cintura UFC. Ma a quanto pare il prossimo contendente non sarà Cody Garbrandt.

Dopo aver pareggiato le difese di Anderson Silva, la missione per Demetrious Johnson non è quella di dimostrare di poter dominare un'altra categoria, bensì quella di entrare nella leggenda nella categoria di cui è il dominatore assoluto. In molti, troppi fan e addetti ai lavori continuano a fare il nome di Cody Garbrandt associandolo a un supermatch contro Mighty Mouse. Johnson ha parlato dell'eventualità a The MMA Hour.

Io e Cody ne abbiamo parlato, non sarà lui il mio prossimo avversario. Non preoccupatevi di questo.

UFC, il campione Cody Garbrandt
Cody Garbrandt, campione dei pesi gallo UFC. Il momento dei festeggiamenti dopo aver battuto il leggendario Dominick Cruz.

Quali sono i piani di UFC per Johnson?

Dopo aver ripulito l'intera categoria, non è rimasto praticamente nessuno nella top 5 da sfidare e la questione riguardante chi possa essere il prossimo sfidante di Johnson si fa sempre più enigmatica. In molti sottolineano il fatto che il salto di qualità per Mighty Mouse sarebbe rappresentato dal passaggio di categoria. Lo statunitense però non subisce pressioni sull'argomento.

La gente dice che dovrei salire a 135. Ma perché non essere il migliore di sempre? UFC ha messo sotto contratto un sacco di nuovi pesi mosca molto talentuosi, e non mi spiacerebbe combatterli e sconfiggerli.

Nel frattempo Johnson si gode la meritata pausa.

Darò il tempo al mio corpo di guarire, mi rilasserò, mi godrò il momento. Non ho nessun avversario sul mio radar finché UFC non mi manda il contratto. Non sapevo nemmeno che avrei combattuto contro Wilson, sapevo che Wilson avrebbe combattuto, non si sapeva se avrebbe vinto. Io comunque sarei stato pronto per il 15 aprile. Se UFC mi dovesse dare una lista dei suoi eventi io la guarderò, selezionerò un posto e un evento e se mi piacerà farò le mie 10 settimane di camp e sarò pronto.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.