UFC, Bisping: "Whittaker merita la title shot più di Romero"

Con la vittoria di Whittaker su Jacaré, una minaccia potenziale alla chance titolata si è allontanata. E Michael Bisping se la ride.

UFC, Bisping in conferenza stampa

38 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Da quando Michael Bisping è diventato campione dei pesi medi UFC, è iniziato uno dei regni più controversi della storia. Bisping ha difeso il titolo contro il 46enne Dan Henderson, numero 13 del ranking dei pesi medi, e a breve verrà annunciata la data ufficiale della sua seconda difesa titolata contro il rientrante Georges St-Pierre.

L'inglese ha finora evitato quelli che erano considerati i numeri uno, Yoel Romero e Jacare Souza. Quest'ultimo ha però subito una bruttissima sconfitta per mano di Robert Whittaker la scorsa settimana a UFC on FOX 24. Bisping ha subito approfittato della situazione, definendo Whittaker più meritevole di Romero in ottica di una chance titolata.

UFC, Romero
Yoel Romero, contendente numero uno al titolo dei pesi medi UFC

Parlando al suo podcast, Believe You Me podcast, Bisping ha tessuto le lodi dell'australiano.

Jacare ha parlato male di me per troppo tempo, quel maledetto. Sembra sempre più piccolo e le sue prestazioni vanno sempre peggio. Robert Whittaker invece è sembrato splendido. Quel ragazzino ha il fuoco dentro, sta facendo molto bene. Solo lodi per Robert Whittaker. Sette vittorie di fila, ha messo KO atleti incredibili, oltre a essere in gran forma contro Jacare.

Poi Bisping si fa prendere la mano e continua a parlare del brasiliano.

Sentite, non ho mai pensato che Jacare fosse così eccellente. Se non può portarti giù, è fregato. Il suo stand-up è orribile. È terribilmente rigido. Lancia solo colpi singoli. Invece Robert è sembrato splendido e mi ha chiamato e lo ha fatto bene, se l'è giocata alla grande. Non avrei esitazioni a combattere contro Robert.

UFC, Whittaker colpisce Souza
Whittaker colpisce in ground and pound Jacare Souza. L'australiano ha inflitto al brasiliano una vera e propria lezione.

Quali sono i piani di UFC per Bisping?

La prestazione di Whittaker lo ha reso l'unico uomo oltre a Gegard Mousasi a finalizzare Jacare. Secondo il campione, l'australiano avrebbe superato anche Yoel Romero nei ranking. UFC lo ha piazzato al numero 3.

Romero è uno sporco imbroglione. Se volete che combatta Whittaker dopo GSP, per me va bene. Altrimenti combatterò Romero. Ma vedo Robert più meritevole. Ha stoppato Jacare, cosa che Romero non è riuscito a fare. E soprattutto il ragazzo non è mai stato trovato positivo agli steroidi. Credo sia giusto dare a lui la prossima title shot.

Paura di Romero? Semplice tortura psicologica quella dell'inglese ai danni del cubano? Bisping sta tenendo la categoria in una fase di stallo, le superstar ai vertici del ranking non vogliono aspettare il campione, combattono nel frattempo e rischiano di bruciare tutto ciò che di buono hanno fatto, citofonare a Jacare per informazioni. L'attenzione si è poi spostata su Luke Rockhold, papabile sfidante per la chiusura della trilogia, appena l'americano sarà rientrato a seguito dell'infortunio al ginocchio che lo affligge ormai da molto tempo. Rockhold non calca l'ottagono da quella bruttissima sconfitta contro Bisping a UFC 199, datata 4 giugno 2016.

Affronterò GSP, dopo lui credo che Rockhold sarebbe un grande matchup. Ma tutto dipende da lui: tornerà mai?

Nel frattempo il buon inglese si diverte a girare il dito nella piaga, prendendosi gioco dell'intera categoria dei medi.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.