Eurolega: il miglior quintetto del primo turno di playoff

Teodosic (CSKA), Llull (Real) e Bogdanovic (Fenerbahce) a colpire da fuori, Honeycutt (Efes) a darà fisicità e Milutinov (Oly) a battagliare sotto canestro. Allena Obradovic.

13 condivisioni 0 commenti

di

Share

Quante sorprese in questo primo turno di playoff di Eurolega. CSKA, Real e Olympiacos mantengono il vantaggio del fattore campo, ma solo i greci vincono agevolmente. Russi e spagnoli devono sudare più del previsto per avere la meglio su Baskonia e Darussafaka. Il Panathinaikos si arrende invece al Fenerbahce e perde il vantaggio del fattore campo. A farla da padroni in questa serata di Eurolega sono i serbi, che si prendono la scena e trascinano le proprie squadre alla vittoria. Nel nostro miglior quintetto ce ne sono ben 3 in campo e uno in panchina. Andiamo a scoprire chi sono.

Eurolega, il miglior quintetto

Teodosic in versione cecchino contro il Baskonia

Milos Teodosic (CSKA Mosca) - In una serata tutt'altro che brillante per Nando De Colo (che chiude comunque con 17 punti), è Milos Teodosic a guidare il CSKA nella vittoria in gara 1 contro il Baskonia. Il playmaker serbo non tira con grandi percentuali da 2 punti, preferisce concentrarsi sui tiri dalla grande distanza: sono proprio le bombe di Teodosic a respingere a più riprese le offensive degli spagnoli. Pur partendo dalla panchina, Teodosic chiude con 22 punti in 28 minuti. Immancabili anche i 5 assist.

Serata da 23 punti per Llull contro il Darussafaka

Sergio Llull (Real Madrid) - Ancora lui, sempre lui! Per l'ennesima volta è il talento spagnolo a guidare il Real Madrid alla vittoria nella prima partita dei playoff di Eurolega. Dopo essere stato a guardare per 18 dei primi 20 minuti, Llull infila 8 punti in poco più di 2 minuti, permettendo ai blancos di recuperare lo svantaggio sui turchi. Nel secondo tempo è ancora lui il faro del Real, con tiri improvvisi e fiammate di puro talento. A 35'' dalla fine si inventa la giocata che chiude definitivamente i giochi e regala al Real la vittoria.

Bogdanovic al tiro, contrastato da Bourousis

Bogdan Bogdanovic (Fenerbahce) - La guardia serba è il trascinatore del Fenerbahce nella difficilissima gara 1 di OAKA, contro il Panathinaikos. L'ex giocatore del Partizan gioca una secondo tempo da fenomeno, dove mette a segno 15 dei suoi 23 punti. Bogdanovic dimostra di essere un giocatore freddo e spietato, chiudendo con un glaciale 5/6 da 3 punti, oltre ad un 4/6 da 2. Per lui ci sono anche 5 rimbalzi, 4 assist, 2 palle recuperate e 3 stoppate. Migliore di giornata con 35 di valutazione. MVP.

Tyler Honeycutt, l'unico a salvarsi per l'Efes

Tyler Honeycutt (Efes) - In dubbio fino a poche ore dalla partita per via di un problema ad un ginocchio, il giocatore americano dell'Efes è il migliore in campo dei suoi. In mezzo all'area mette costantemente in difficoltà Birch e Printezis con la sua fisicità e la sue doti atletiche. Chiude in doppia doppia, mettendo a referto 17 punti e raccogliendo 10 rimbalzi. L'Efes dovrà ripartire da lui per provare ad allungare la serie con l'Oly.

Grande prestazione per Milutinov dell'Olympiacos

Nikola Milutinov (Olympiacos) - Il buon Birch stecca completamente la partita e allora tocca al lungo serbo andarsela a giocare contro i lunghi americani dell'Efes. Il numero 11 risponde presente, catturando 7 rimbalzi, segnando 11 punti, ma soprattutto dimostrando grande solidità su entrambe i lati del campo. Grandissima la schiacciata che piazza in faccia a Kirk e Honeycutt dopo il pick and roll con Mantzaris.

Miglior allenatore

Zeljko Obradovic al ritorno ad OAKA

Zeljko Obradovic (Fenerbahce) - Buona la quinta per il coach serbo. Dopo quattro sconfitte ad OAKA da quando allena il Fenerbahce, il buon Obradovic riesce finalmente a vincere nel tempio del basket in cui ha vinto e stravinto tutto. All'intervallo, negli spogliatoi, l'allenatore dei turchi è riuscito a spronare i suoi nel modo giusto ed è riuscito a vincere la partita con una difesa straordinaria. Il Fenerbahce, infatti, ha permesso al Panathinaikos solo 16 punti negli ultimi 20 minuti, andando così a prendersi la vittoria e invertendo subito il vantaggio del fattore campo.

Miglior sesto uomo

Johannes Voigtmann del Baskonia

Johannes Voigtmann (Baskonia) - Partita di sostanza per il centro tedesco del Baskonia, che non si fa impaurire dai lunghi del CSKA e mette insieme una buona prestazione. Voigtmann sbaglia solo 2 tiri dal campo, chiudendo con un buon 5/7 complessivo al tiro, a cui va ad aggiungere anche 8 rimbalzi e due assist, dopo essere partito dalla panchina. Coach Alonso ha sicuramente avute buon indicazioni dal suo lungo in vista di gara 2.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.