WWE SmackDown, Charlotte e Jinder Mahal primi sfidanti di Naomi e RKO

Dopo la vittoria di AJ Styles come primo contendente per la US Championship di Kevin Owens, scelti anche i nuovi sfidanti per il titolo WWE e quello femminile.

Il nuovo sfidante per la cintura di campione WWE sarà Jinder Mahal

143 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dopo le emozioni forti (così tanto da rompere addirittura il ring) della puntata di ieri di WWE Raw, si passa a quelle di WWE SmackDown, il roster blu del mondo della World Wrestling Entertainment. Anche in questo caso gli effetti del Superstars Shake-Up si sono conclusi la scorsa settimana, con la partenza illustre del campione intercontinentale Dean Ambrose, ma il corrispettivo passaggio inverso dello US Champion Kevin Owens.

Già nella puntata di sette giorni fa, raccontata come sempre da FOX Sports in questa rubrica, WWE-ek SmackDown, avevamo visto come AJ Styles si fosse guadagnato subito la chance titolata per sfidare il nuovo campione. 

Adesso nella “terra delle opportunità”, così come la chiama il Commissioner Shane McMahon, è il momento di mettere in palio quella del WWE Champion Randy Orton. E saranno ben sei gli sfidanti, in un Six-Pack Challenge tra Dolph Ziggler, Jinder Mahal, Mojo Rawley, Erick Rowan, Sami Zayn e Luke Harper, che aprirà questa nuova puntata della divisione blu del mondo del wrestling targato Vince McMahon, in onda direttamente dal KFC Yum Center di Louisville, in Kentucky. .

WWE SmackDown

Prima di passare al maxi incontro che decreterà il primo sfidante al titolo di Randy Orton (sempre che The Viper lo mantenga a Payback nell’House of Horror Match contro Bray Wyatt), sul ring troviamo però Charlotte Flair, altro grande acquisto di WWE SmackDown nell’ambito del Superstars Shake-Up. La figlia del Nature Boy appare abbastanza infastidita e l’aspetto viene confermato dalle parole.

Charlotte infatti dice di essere passata in questo nuovo roster da una settimana, ma ancora nessuno la ha fatta competere per il titolo femminile come dovrebbe. Questo porta all’ingresso della campionessa in carica, Naomi, che pur non apprezzando i metodi della rivale, è pronta per darle la chance immediatamente.

Le due cominciano a darsele sul ring senza un vero e proprio incontro ufficiale, ecco però che arriva Shane McMahon e ferma tutto, dicendo che se Charlotte vuole la sua chance titolata dovrà guadagnarsela battendo stasera Naomi in un incontro vero e proprio. La decisione successivamente porta al malumore di Natalya, Carmella (con Ellsworth) e Tamina. Le tre sembrano allearsi tramando qualcosa…

Six-Pack Challenge

Dopo questa partenza subito in salita, si continua la scalata con il SIx-Pack Challenge annunciato con in palio la possibilità di competere per il titolo WWE attualmente detenuto da Randy Orton. Sul ring salgono Dolph Ziggler, Jinder Mahal, Mojo Rawley, Erick Rowan, Sami Zayn e Luke Harper. 

Incontro molto confuso e pieno di capovolgimenti di fronte, che alla fine sembrano indirizzarsi verso una vittoria dell'altro canadese arrivato insieme a Kevin Owens con il Superstars Shake-Up, Sami Zayn.

Il favorito del pubblico sembra sul punto di vincere, dopo un Exploder Suplex su Mahal, si prepara per il suo Helluva Kick. Ma proprio in quel momento viene fermato a bordo ring dai Bollywood Boyz, Gurv e Harv Shira, direttamente da NXT. I due distraggono il connazionale e permettono a Jinder Mahal di ottenere un’incredibile vittoria: sarà il wrestler di origini iraniane a competere per il titolo WWE dopo Payback. 

WWE SmackDown

Al termine dell’incontro viene fischiato, lui domanda se sia perché benestante o ben istruito, accusando il pubblico Usa di non accettare la diversità. Nel frattempo entra Randy Orton, per spiegare all’avversario che l’unica cosa ad aver vinto è una RKO esclusiva, subito dopo che si sarà liberato di Bray Wyatt. 

Il mostro della palude si palesa così sul Titantron, ricordando al futuro avversario a Payback che non ha idea del terrore che proverà dopo averlo affrontato nell’House of Horror Match.

Intanto nel backstage mentre viene intervistato il 1# contender allo US Title, AJ Styles, arriva Baron Corbin a interrompere tutto. Ne nasce un battibecco tra i due, che porta alla stipulazione di un single match come Main Event della serata. Incrociamo infine Natalya, Tamina ed Ellsworth che danno il loro falso benvenuto a Charlotte, dandole una spallata mentre la figlia di Rick Flair si prepara per entrare sul ring e sfidare Naomi.

Charlotte Flair VS Naomi

Bell’incontro femminile, tra una forza della natura come la campionessa in carica Naomi e la tecnica sopraffina di colei che vuole accaparrarsi la possibilità di sfidarla per il titolo, Charlotte Flair. La figlia del Nature Boy non sembra aver risentito particolarmente del "comitato di benvenuto” ricevuto pochi minuti prima nel backstage e la sfida è bella ed equilibrata.

Ad avere la meglio è proprio Charlotte, grazie all’esecuzione di una perfetta Natural Selection che le consentirà la settimana prossima di combattere nuovamente contro Naomi, ma questa volta con la cintura di campionessa femminile in palio.

Tornando indietro negli spogliatoi, la Flair incrocia di nuovo le tre deluse Natalya, Carmella e Tamina che la guardano in modo raccomandabile. Di tutta risposta lei sorride alle tre e poi le sbeffeggia il suo classico “wooo”. Chissà che non possa portare a qualche conseguenza nell’incontro per il titolo tra sette giorni nella prossima puntata di WWE SmackDown…

The Colóns VS American Alpha

La vera novità di questo match è che gli Shining Stars, apparsi la scorsa settimana a WWE SmackDown con il loro attacco a sorpresa agli American Alpha, vengono annunciati con il vecchio nome, The Colóns. Ne prendiamo atto e vediamo che Primo ed Epico riescono anche a vincere con astuzia su Jason Jordan e Chad Gable.

WWE SmackDown Backstage

Passiamo nel backstage, dove Tye Dillingers ci spiega come mai lui venga soprannominato il “dieci perfetto” mostrando un video del suo ingresso con il numero 10 alla Royal Rumble con, a seguire, il suo debutto di due settimane fa a WWE SmackDown. Inoltre ci viene anticipato che tra poco Kevin Owens dimostrerà di essere “The Face of America”.

Face of America Open Challenge

Per dimostrare in tutta la sua arroganza di essere il vero volto dell’America, il campione degli Stati Uniti Kevin Owens sale sul ring e si annuncia da solo specificando di essere nato in Canada. Poi fa dire il nome al suo avversario di turno, tale Gary Gandy, che invece sottolinea di provenire da Louisville, in Kentucky.

Questo è sufficiente per scatenare la rabbia di Owens che disintegra il suo avversario e lo mette ko con la Pop-Up Powerbomb che vale il conteggio di 3.

Dopo aver fatto tutto quello che poteva per farsi odiare dal pubblico, KO ci ricorda che a Payback manterrà il titolo contro Chris Jericho e dopo farà altrettanto con AJ Styles. Poi si va a sedere al tavolo di commento rubando la sedia di Saxton.

Baron Corbin VS AJ Styles

Siamo arrivati così al main event della serata, quello tra il lupo solitario, Baron Corbin, e The Phenomenal, AJ Styles. Un gran bell’incontro, che mette di fronte il predominio fisico del primo sulla tecnica del secondo. 

Il momento topico del match è quando AJ, sotto lo sguardo di Kevin Owens, prova una Styles Clash ma viene gettato da Corbin sul campione degli Stati Uniti, inizia il conteggio dell’arbitro per entrambi i lottatori fuori dal ring.

The Lone Wolf prova a chiudere il discorso con un braccio teso, ma viene sorpreso dal contrattacco di Styles che esegue una fantastica Phenomenal Forearm. Questa manda Corbin oltre le transenne e lo lascia tramortito quanto basta ad AJ Styles per tornare sul ring in tempo prima che l’arbitro raggiunga il conteggio di 10 e prendersi la vittoria sul rivale per count-out.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.