UFC, consultazione video legale a New York: Weidman fermato per TKO

Il replay nello stato di New York è consentito. Alla luce di ciò che è successo a UFC 210, cambia leggermente la visione delle cose.

16 condivisioni 1 commento

di

Share

Nelle MMA una situazione può trasformarsi da "bizzarra" a "molto bizzarra"? Evidentemente sì ed è il caso dei casi negli ultimi tempi: lo stop di Gegard Mousasi ai danni di Chris Weidman a UFC 210. Il co-main event del suddetto evento infatti si è risolto in una delle più strane controversie mai accadute in UFC

Gegard Mousasi e Chris Weidman stavano offrendo grande spettacolo nella notte di Buffalo, finché il primo ha colpito con delle ginocchiate alla testa il secondo da posizione nord-sud in piedi, apparentemente mentre Weidman aveva le mani a terra e cercava di avvalersi della regola dei quattro appoggi. L'arbitro Dan Mirgliotta ha fermato l'azione, reputando a una prima occhiata le ginocchiate illegali, per scoprire dopo aver visionato il replay che erano perfettamente legali.

Miragliotta, arbitro esperto di lunga data, ha parlato con l'arbitro al di fuori della gabbia, colui che è considerato il migliore, John McCarthy, che ha riguardato il replay e constatato che le ginocchiate erano nella norma. A seguito di un ritardo e dell'entrata dei medici dentro l'ottagono, il match è stato dichiarato concluso con un TKO in favore di Gegard Mousasi.

UFC 210, Weidman nell'intervista post match
Uno stranito Chris Weidman lamenta lo stop arbitrale del co-main event di UFC 210

UFC 210, replay legale, Weidman fermato per TKO

Marc Ratner, personalità tra le più importanti per quanto concerne il regolamento UFC, ha dichiarato però che a New York non è permesso riguardare le immagini in replay per determinare se ci sia un'infrazione o quant'altro, rendendo così la situazione senza precedenti. Bene, adesso sembra invece che Ratner abbia preso un abbaglio e che l'arbitro potesse avvalersi dell'uso del replay. La Commissione Atletica di New York ha rilasciato una dichiarazione al portale MMA Fighting, affermando che i due arbitri hanno fatto la cosa giusta:

Il Signor Weidman è stato dichiarato non in condizione ottimale per continuare il match a causa dei colpi legali ricevuti, il che ha portato a un TKO. Nello stato di New York la Commissione può avvalersi della revisione delle immagini per far chiarezza e nel miglior interesse dello sport. A seguito dell'iniziale dichiarazione arbitrale, che aveva dichiarato illegali le ginocchiate del Signor Mousasi, l'arbitro ha consultato il suo collega al di fuori della gabbia, che ha giudicato legali le ginocchiate del Signor Mousasi. Durante il controllo medico a cui è stato sottoposto il Signor Weidman, lo stesso è stato considerato inadatto a continuare il combattimento e pertanto l'arbitro ha dichiarato il match vinto da Gegard Mousasi per TKO.

A quanto dichiarato da MMA Fighting, Ratner non era l'unico a non conoscere l'esito finale, molti degli ufficiali UFC erano infatti all'oscuro. Ora che si conosce la verità per intero, possiamo tirare delle conclusioni. 

Secondo voi, il match andava fermato?

Vota anche tu!

Il co-main event di UFC 210, a seguito delle ginocchiate di Mousasi su Weidman, ha generato un TKO?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.