Mondiali 2026: USA, Canada e Messico insieme per la candidatura

Avanza l'ipotesi che i Mondiali 2026 si possano giocare in America, nonostante i dubbi di un'organizzazione a tre. La decisione finale entro il 2020.

Mondiale 2026: la candidatura di USA, Canada e Messico

62 condivisioni 0 commenti

di

Share

Dove si giocheranno i Mondiali di calcio del 2026? Ecco la prima e unica candidatura: oltreoceano la ‘cordata’ Stati Uniti, Canada e Messico è pronta ad ospitare il primo torneo della storia a 48 squadre. L’annuncio è arrivato ieri tramite una conferenza stampa a New York, dove i presidenti delle tre Federazioni calcistiche hanno presentato la candidatura ufficiale.

La decisione finale ci sarà entro il 2020, ma filtra ottimismo. Per ora c’è solo questa candidatura, e poi, geograficamente, toccherebbe proprio al nuovo continente ospitare il massimo torneo di calcio. Nel 2018 si andrà in Russia, nel 2022 in Qatar. Europa, Asia e dunque America.
Così, in attesa dell'estate 2018, si inizia a parlare dei Mondiali che verranno. Con tutti i dubbi del caso, come da prassi.
Mondiale 2026, c'è il Nordamerica per i paesi ospitanti
Mondiale 2026, Infantino presidente della FIFA ad Helsinki per il congresso UEFA

Mondiale 2026: USA, Canada e Messico sono pronte

Quarantotto squadre e 3 nazioni diverse, una doppia novità mai vista prima. Ma non saranno le tante partite a destare preoccupazione, quanto gli aspetti logistici e l'accoglienza. Organizzare un Mondiale in tre Paesi diversi non sarà facile. I dubbi nascono anche dalla precedente esperienza del 2002, quando si giocò sia in Giappone che in Corea del Sud, con diversi problemi di coordinamento. Ma la FIFA va verso questa direzione, anche perché dal 2016 vige un criterio di rotazione che vieta ad un continente di organizzare più di un torneo ogni tre. Per questo la candidatura di Stati Uniti, Canada e Messico sembra la più forte.
Sunil Gulati, presidente della Federazione statunitense, ha promosso in prima persona l'idea:
Questa è la cosa giusta, un passo importante per tutta la CONCACAF. Insieme alle Federazioni di Messico e Canada, siamo convinti di potercela fare. Tutti e tre i Paesi hanno dimostrato di saper organizzare eventi di livello mondiale. Insieme esalteremo il gioco, i giocatori e naturalmente il pubblico.
Mondiale 2016, immagine di Infantino, presidente della FIFA
Mondiale 2026, il présidente della FIFA Infantino pronto ad accogliere la candidatura del Nordamerica
La proposta: 60 partite negli Stati Uniti, 10 in Canada e 10 in Messico. Solo i canadesi saranno al debutto nell’ospitare una Coppa del Mondo. In USA si è giocato già nel 1994, con quella finale persa dall’Italia contro il Brasile a Pasadena. Anche il Messico fu amaro per gli azzurri: era il 1970, la squadra di Valcareggi si arrendeva in finale 4-1 allo stadio Azteca sempre contro i verdeoro.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.