Higuain, contro il Barcellona un gol ogni sei partite

Solo tre reti per il Pipita quando incrocia i Blaugrana: l'ultima gioia nel 2012 con la maglia del Real Madrid. Questa sera ci riprova con la Juventus.

459 condivisioni 0 commenti

di

Share

È la squadra che ha incrociato più volte in carriera, ben 18, ma le ha esultato contro “appena” 3 volte, una ogni sei partite giocate. Numeri fuori media per Gonzalo Higuain, attaccante da 413 centri in 700 partite in carriera, per una media di 0.59 centri per incontro. Eppure il numero 9 della Juventus e della Nazionale argentina contro il Barcellona raramente ha lasciato il segno: i tifosi bianconeri sperano che il Pipita possa aggiornare e migliorare la sua media già questa sera, quando allo Juventus Stadium sarà tempo di sfidare i blaugrana nella sfida di andata dei quarti di finale di Champions League. 

Tre gioie, tutte con la maglia del Real Madrid, nella partita che in Spagna vale una stagione e stabilisce la contrapposizione tra la borghesia della Capitale e il popolo, incarnato dalla Catalogna. Il primo centro è arrivato il 7 maggio 2008, nel 4-1 del “Bernabeu” conosciuto come  el 'Clásico del pasillo': minuto 63, sul punteggio di 2-0 riceve palla da Diarra, prende sul tempo la difesa ospite e con un tocco morbido beffa Victor Valdes. Una giocata da centravanti, una giocata alla Higuain. Ben meno dolce è stato il centro del 2 maggio 2009: per molti, il giorno in cui i marziani sono atterrati al “Santiago Bernabeu”. Un Real Madrid reduce da 17 vittorie e un pareggio dopo la sconfitta maturata al Camp Nou nel girone d'andata si presentava alla sfida con il Barcellona con 4 punti di ritardo. Gap accorciato al 14esimo del primo tempo, quando  Sergio Ramos andava via ad Abidal e metteva sulla testa di Higuain il pallone che "el Pipita" convertiva nell'1-0, 19° centro personale in questa Liga.

Gioia effimera, perché il pomeriggio proseguiva con le doppiette di Messi ed Henry e i centri di Puyol e Piqué, intervallati solo dal provvisorio 2-3 di Ramos. Il finale 2-6 sanciva una dimostrazione di schiacciante superiorità dei blaugrana. Prezioso il centro del 29 agosto 2012 in Supercoppa di Spagna: Higuain colpì a freddo il Barcellona dopo 11 minuti, sfruttando un liscio di Mascherano. Il raddoppio di Cristiano Ronaldo e la punizione di Messi non cambiarono la destinazione del trofeo, direzione Madrid, festeggiato con Sami Khedira, oggi compagno di squadra nella Juventus. Da ricordare per i tifosi del Barcellona e da dimenticare per il Pipita è invece l’errore davanti a Pinto a 7 secondi dal via della partita di andata nei quarti di finale della Copa del Rey 2012. Un destro a lato a porta di fatto sguarnita, all’alba di una partita persa per 1-2 dal Real.

Higuain, solo tre reti contro il Barcellona: cambierà marcia con la Juventus?

Alla vigilia della sfida contro l’eterna rivale, Higuain ha parlato al quotidiano spagnolo El Mundo Deportivo:

Il Barcellona è una delle migliori squadre del mondo da anni, ma lo affrontiamo con la consapevolezza che possiamo fare due grandi partite e superare il turno. Il Real? Tutti sanno quanto ci sia legato, ma ora difendo i colori della Juventus ed è una partita importante solo perché permetterebbe alla Juventus di proseguire il cammino in Champions League.

Di fronte ci sarà Lionel Messi, compagno di nazionale nella Selección argentina. Elogi per il 10 del Barcellona nelle parole del Pipita:

Messi è sempre il migliore calciatore al mondo ma siamo consapevoli  che se in entrambe le partite daremo il massimo, potremo puntare al passaggio del turno. Quando ho deciso di venire a Torino, sapevo per cosa avrei lottato, c’è un approccio simile a quello che c’era al Real Madrid: la Juventus è leader in Italia e vuole diventarlo anche in Europa. Sono stato felice in ogni squadra in cui ho giocato e lo sono anche qui.

Real Madrid-Barcellona 2-1, la rete di Gonzalo Higuain
Gonzalo Higuain in rete in Real Madrid-Barcellona 2-1, 29 agosto 2012

In stagione Higuain è andato a segno già 27 volte con la maglia della Juventus, seguendo Dzeko e Belotti (24 reti a testa) nella classifica cannonieri di serie A grazie ai suoi 21 centri. Dopo aver vissuto un marzo senza centri all’attivo, Higuain è tornato a colpire ad aprile: doppietta al Napoli in Coppa Italia, altre due reti al Chievo Verona in campionato. Solo Sivori e Charles, infatti, erano riusciti a realizzare almeno 20 reti nella loro prima stagione torinese. Ma non erano stati pagati 90 milioni di euro per una sola missione: fare gol. E il Pipita ci riproverà questa sera: Higuain-Barcellona, è il 19esimo atto.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.