Real Madrid, torna Raul: "Hala Madrid, se qualcuno ha dubbi..."

Raul, bandiera del Real Madrid, ha annunciato che a giugno tornerà a vivere nella capitale spagnola e assumerà un ruolo nel club di Florentino Perez.

Raul

391 condivisioni 0 commenti

di

Share

Al Real Madrid ha vinto 3 volte la Champions League e 6 volte la Liga, Raul Gonzalez Blanco. Idolo dei tifosi e bandiera del club, le sue dichiarazioni di un paio di settimane fa, nelle quali non aveva escluso che un giorno avrebbe anche potuto lavorare per il Barcellona, avevano spaventato i fan più accesi, ma erano bastati pochi giorni perché tutto venisse ridimensionato.

Il totem del madridismo in blaugrana sarebbe stato un tradimento, certo, ma anche un fallimento per Florentino Perez, che infatti è subito corso ai ripari, lo ha chiamato e ha raggiunto un accordo di massima. L'ex attaccante tornerà a Madrid e avrà un ruolo nel club: giacca e cravatta, dopo aver vestito la camiseta blanca per 16 anni sul campo.

Nessun ruolo tecnico, pare, almeno per il momento: Raul sarà con ogni probabilità consigliere di Florentino Perez, seguendo le orme di Zinedine Zidane che aveva cominciato così, un po' defilato, per arrivare poi alla panchina del Real Madrid, soluzione interna poco più di un anno fa per sostituire Rafa Benitez.

Raul e Zidane
Raul insieme a Zidane nel Real Madrid

Real Madrid: il ritorno di Raul

La conferma l'ha data lo stesso Raul nel corso della cena di un club dedicato a Ramon Mendoza, dove, alla presenza del presidente del Real Madrid e di Pepe e Nacho, ha subito voluto dissipare i dubbi sul suo madridismo:

Hala Madrid, per chi ha dei dubbi, y nada mas!

Raul e Perez
Raul e Florentino Perez sorridenti alla cena del club Mendoza: c'è l'accordo

Raul, che lascerà la carica di country manager della Liga per gli Stati Uniti il prossimo mese, ha poi annunciato il proprio futuro al Real Madrid:

A giugno tornerò a vivere a Madrid. Il mio prossimo passo, quello che voglio, è lavorare al Real. Ora studieremo come posso aiutare il club di Florentino con la mia esperienza.

Rimangono da definire i particolari, dunque, ma l'accordo c'è. I tifosi possono tirare un sospiro di sollievo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.