Los Sinteticos - Leyendas, doppietta di Zaza e scivoloni

A cura di Massimiliano Chirico per Crampi Sportivi.

Simone Zaza

197 condivisioni 0 commenti

Share

Bentornati a un'altra puntata dei Los Sinteticos, la rubrica che non ha mai dimenticato chi ci ha dato da mangiare nonostante nessuno di noi faccia mai colazione al mattino. Tra i tanti fattarelli accaduti questa settimana ci troviamo una doppietta di Simone Zaza, il Barça che si lascia scivolare la Liga dalle dita e il povero Giuseppe Rossi alle prese con un altro guaio. Ma partiamo con ordine.

Villarreal - Athletic Bilbao

Il Sottomarino Giallo rinsalda le ossa e conferma a pieni voti il quinto posto ai danni dell’Athletic. La squadra di Fran Escribà esce a testa alta dall’impegno casalingo con una gran prova corale che proietta la squadra in Europa MA SOPRATUTTO gran merito va a Jonathan Dos Santos che non ha perso tempo e ha sfoggiato la sua visiera a becco nel post-partita

Espanyol - Alaves

Il Deportivo Alaves dimostra di avere già la testa alla storica finale di Copa del Rey contro il Barçelona: l’Espanyol ringrazia e con un gol di Pablo Piatti porta a casa tre punti d’oro per la rincorsa al preliminare d’Europa League. L’Alaves, dal canto suo, sembra aver mollato nella corsa al settimo posto, ritenendo forse più agevole strappare la qualificazione all’EL battendo il Barça in finale. Auguri!

Real Madrid - Atletico Madrid

Dopo i dettagli sulla personal trailer di Ronaldo, la sfida tra Simeone e Zidane, il tecnico francese che non offre certezze sul suo futuro, il possibile passaggio di Theo Hernandez al Real e qualsiasi altra cosa servisse per alimentare il fuoco, tutti ci aspettavamo un derby da battaglia. Finisce 1-1, insomma la prossima volta anziché stare in casa il pomeriggio me ne vado in giro a fare pezzi sui muri e ascoltare vero acca vero i vero pi vero acca vero o vero p.

Comunque a fine partita Simeone ha detto tipo che voleva mettere Cerci e poi ci ha ripensato e quindi noi volevamo dire una cosa: ehi Cholo, attento ai talenti italiani! Stai tirando troppo la corda!

Siviglia - Deportivo

La festa di addio a Monchi è stata, per buona parte del primo tempo, uno di quei party dove ci porti la ragazza ma ti accorgi subito che lei è la più figa del locale e quindi vuoi telartela a casa al sicuro. Il Siviglia si porta due volte in vantaggio ma Kakuta, ex Siviglia ma anche ex Lazio, pareggia due volte. Poi ci pensano Correa e BEN YEDDER CON UN GOL ASSURDO a chiudere la partita e così Monchi ha fatto la sfilata e salutato tutti commosso. A fine gara sciolti i dubbi sul prossimo direttore sportivo: Walter Sabatini.

Malaga - Barcellona

Il Barça è atterrato a Malaga con quella spavalderia tipica di chi deve alzare la voce per far capire che c’è un nuovo sceriffo in città. Peccato che quelli del Malaga non ci sentano da un orecchio e quindi finisce due a zero per i padroni di casa, segna Sandro (che è un ex Barcellona) poi Neymar si è fatto espellere e praticamente domani c’è la Champions quindi Juventus > Malaga > Chievo > Barcellona. Da incorniciare a fine gara la compostissima e quantomai poetica esultanza di Nacho Camacho, un autentico signore del calcio.

L'esultanza del Malaga
L'esultanza del Malaga dopo il 2-0 sul Barcellona

Granada - Valencia

Ormai non c’è più bisogno di parlare del Granada che ha ampiamente salutato questo campionato con lo spirito in attesa che la matematica apponga il suo giudizio finale. Nell’impegno interno contro il Valencia si risveglia la forza sopita di Simone Zaza che sta facendo davvero tanto bene a Valencia, tanto da guadagnarsi il riscatto obbligatorio per numero di presenze e mezzo sorriso da Voro che comunque sta sempre male. Bravo Simone, adesso tutti a Policoro per la festa patronale.

Celta Vigo - Eibar

La vita di un calciatore troppo spesso decide di intrecciarsi con un romanzo, con una storia da raccontare, assumendo tinte leggendarie o macabre. In settimana Giuseppe Rossi ha patito l’ennesimo infortunio alle ginocchia, il quinto grave, che lo costringerà a rimanere fermo per almeno sei mesi. Infortunio che arriva a una settimana dalla sua tripletta con addosso la maglia del Celta, a simboleggiare ancora una volta il destino infimo e ingrato. Buona fortuna Giuseppe!

Osasuna - Leganes

Osasuna che prova a dare ossigeno a questo finale di stagione, imponendosi per due a uno sulla quart’ultima in classifica e portandosi a 11 punti dalla zona salvezza. Praticamente una voragine. Questa sera però andrà in scena Real Sociedad - Sporting Gijon e te lo immagini che zitti zitti, quatti quatti, lelli lelli gli ospiti non vadano a fare il colpaccio portandosi a meno due dall’area tranquilla? Speriamo di no, molto più simpatico il Leganes del Gijon che ha già fatto il suo tempo in Liga.

AVANTI FUTURO! Dalla regia mi dicono che si tratti della prima vittoria casalinga dell’Osasuna. Chiediamo conferme

Las Palmas - Real Betis

Compito a casa: descrivi con poche parole come immagini la vita di Kevin Prince Boateng.

Svolgimento: secondo me Kevin Prince Boateng si diverte molto perchè in passato è stato un grande giocatore per pochi anni e ha guadagnato tantissimi soldi, adesso continua comunque a guadagnare tanti soldi però sta alle Canarie con la sua fidanzata, gioca a pallone e si diverte. Se dovessi decidere tra una vita da Van Basten e cinque anni da Boateng sceglierei il secondo perché MVB non aveva la PS4. Fine.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.