Luis Enrique e l'espulsione di Neymar: "Ammonizioni speciali..."

L'allenatore del Barcellona ha ancora molti dubbi sul cartellino rosso sventolato dall'arbitro al brasiliano e sulla gestione complessiva della gara col Malaga.

398 condivisioni 0 commenti

di

Share

Luis Enrique si aspettava certamente una marcia di avvicinamento diversa alla partita dello Juventus Stadium, andata dei quarti di finale di Champions League. Per affrontare il Malaga in Liga, il tecnico asturiano aveva optato per un turnover solo parziale nel suo Barcellona, con qualche cambio in difesa e a centrocampo, ma con Messi, Luis Suarez e Neymar nei loro posti in attacco. Ma ha comunque fatto male i suoi conti, perché dalla Rosaleda è tornato a casa solo con una sconfitta per 2-0.

Un risultato ingiusto a giudizio di Luis Enrique, che nel post-partita si è affrettato a dire di poter rimproverare ben poco ai suoi giocatori. Anche per quanto riguarda l'espulsione di Neymar al 65', sull'1-0, l'allenatore non è così convinto che le responsabilità siano da attribuire tutte al suo giocatore.

Prima ancora di andare in conferenza stampa, Luis Enrique ne ha parlato ai microfoni di Movistar, spiegando di avere molti dubbi circa il doppio cartellino giallo che è stato sventolato a Neymar e che ha costretto il Barcellona a giocare in inferiorità numerica nella mezzora finale. E che adesso potrebbe avere ripercussioni anche nelle prossime partite di Liga, compreso il Clasico in programma tra due giornate al Santiago Bernabeu.

Luis Enrique e l'espulsione "speciale" di Neymar

Dipenderà molto da quante giornate di squalifica saranno inflitte adesso a Neymar, che è uscito dal campo subito dopo il secondo cartellino, ma proprio mentre stava per entrare nel tunnel che porta agli spogliatoi, ha iniziato ad applaudire ironicamente l'operato degli arbitri. Desta qualche perplessità, in effetti, soprattutto la prima ammonizione, quella rimediata a gioco fermo.

Il brasiliano si è messo a legarsi la scarpa davanti al pallone che Sandro Ramirez si stava apprestando a calciare e l'arbitro, sul risultato di 0-0, l'ha interpretata come una perdita di tempo. Più ragionevole la seconda, quando Neymar ha proseguito la sua corsa colpendo Llorente.

In ogni caso, per Luis Enrique c'è qualcosa che non torna sull'arbitraggio di Jesus Gil, come ha tentato di spiegare subito dopo l'incontro:

Quello che credo è che l'interpretazione delle ammonizioni sia stata speciale. Dobbiamo stare molto attenti in determinate partite, perché abbiamo subito molti falli che avrebbero meritato di essere sanzionati con le ammonizioni, nel corso di tutta la gara. Curioso invece che un giocatore che si leghi la scarpa prenda il giallo. È molto divertente, ma siamo abituati.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.