Griezmann ferma il Real Madrid: nel derby con l'Atletico è 1-1

Le Petit Diable pareggia nel finale un derby che il Real Madrid aveva ormai in tasca, dopo il vantaggio di Pepe: l'1-1 del Bernabeu riapre ancora di più la Liga.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

A cinque minuti dal trionfo blanco, Griezmann rovina la festa del Real Madrid. Sembrava sufficiente, per la formazione di Zidane, l'incornata vincente di Pepe a inizio ripresa: un vantaggio che legittimava un dominio territoriale durato almeno per un'ora. L'Atletico ha retto il colpo, non è morto e ora si gode un pareggio cercato con insistenza nel finale: il combattuto derby del Santiago Bernabeu termina così 1-1.

Dopo tre anni di ko interni in campionato, il Real Madrid sperava di tornare a un successo nella stracittadina che in casa manca ormai dal 2012/13. La zampata del Petit Diable guasta però la 50ª panchina in Liga di Zidane e permette all'Atletico di uscire ancora una volta imbattuto dal tempio blanco.

Le merengues salgono perciò a quota 72 punti, con il Barcellona che può raggiungerli in caso di vittoria con il Malaga (le merengues hanno ancora la gara da recuperare con il Celta Vigo). Una frenata per il Real Madrid, nella settimana che porterà Cristiano Ronaldo e compagni in casa del Bayern Monaco: mercoledì è tempo di andata dei quarti di finale. Stesso giorno in cui l'Atletico, terzo con 62 punti, riceverà il Leicester.

Il Real Madrid non sfonda, l'Atletico regge e riparte

La fotografia del primo tempo è tutta nel salvataggio di Savic sul tocco a colpo sicuro di Cristiano Ronaldo. È da poco passata la mezz'ora, quando il forcing degli uomini in blanco sembra aver trovato finalmente sbocco: il Pallone d'Oro riceve da Modric, controlla di suola e si prepara a esultare con Oblak battuto. Succede però che l'ex Fiorentina si auto-catapulti sul pallone: il suo salvataggio sulla linea è da statua istantanea in Plaza de Canovas del Castillo (dove i Colchoneros festeggiano i loro trionfi). È l'occasione più clamorosa di una prima frazione di frenetico agonismo, in cui il Real Madrid ha dominato territorialmente e ha sfiorato il vantaggio almeno altre due volte nella prima mezz'ora.

La prima al quarto d'ora, quando la stoccata da fuori area di CR7 trova la parata plastica di Oblak: il portierone sloveno si supera poi al 28', con una manata che spezza la magia del triangolo tra Benzema e il lusitano. Le merengues sono più in palla, Zidane ha potuto ripresentare la BBC e il suo once de gala cambiando ben 7 uomini rispetto al mini-derby con il Leganes. L'Atletico - Simeone conferma gli undici dell'infrasettimanale contro la Real Sociedad - appare al contrario molto più affaticato. Ciò non vieta ai rojiblancos di imprimere il loro marchio sul primo tempo: serve tutta l'attenzione di Keylor Navas per neutralizzare il mancino beffardo di Griezmann, lanciato in contropiede.

Pepe fa il Ramos, Griezmann fa Griezmann

La svolta del derby arriva al 52', quando Pepe veste i panni di Sergio Ramos e batte di testa Oblak sulla punizione perfetta di Kroos. Il 23° centro in elevazione del Real in questa Liga (il 24° da palla inattiva) sembra davvero valere la vittoria che manca al Bernabeu da quattro campionati. Il vantaggio ha però l'effetto di rallentare la furia offensiva dei blancos. Già dopo pochi minuti, Fernando Torres grazie Keylor Navas sprecando un contropiede micidiale architettato da Carrasco. Simeone si gioca allora la carta Correa, mossa che risulterà decisiva.

Nel finale l'Atletico sale di tono, i Colchoneros non ci stanno a uscire sconfitti dalla sfida con gli eterni rivali. La ricompensa del loro forcing arriva all'85: è proprio Correa a lanciare Griezmann nell'uno contro uno con Navas. Per la stella francese è un gioco da ragazzi infilare il pallone all'angolino e regalare alla parte rojiblanca di Madrid un pareggio che ha il dolce sapore della vittoria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.