Bundesliga, il Klassiker è del Bayern Monaco: 4-1 al Borussia Dortmund

La squadra di Ancelotti travolge i gialloneri e si avvicina sempre di più al titolo. Decisiva una doppietta di Lewandowski, di Ribery e Robben le altre reti.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

È stato un Klassiker pieno di gol e, di conseguenza, bellissimo. Il big match della 28esima giornata di Bundesliga tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund finisce 4-1 per i bavaresi, più solidi e costanti degli avversari per tutto il corso della sfida. Nel primo tempo i campioni di Germania colpiscono subito, prima con Ribery al 4' e poi al 10' con la rete dell'ex firmata Lewandowski. Al 20' è Guerreiro con un gran tiro a riaprire i giochi. Nella ripresa ci pensa Arjen Robben a chiudere ogni discorso, trovando un gol dei suoi con il sinistro a giro. Il poker è opera di Lewandowski su calcio di rigore.

Con questi tre punti il Bayern rimette dieci punti di distanza tra se e il Lipsia (vincente al novantesimo contro il Bayer Leverkusen) e avvicina sempre più il Meisterschale. Gli uomini di Tuchel, invece, rimangono quarti a -1 dal terzo posto occupato dall'Hoffenheim (sconfitto ad Amburgo).

La cronaca di Bayern Monaco v Borussia Dortmund

L'inizio di gara è degno del miglior Klassiker possibile. Dopo meno di due minuti Dembélé viene perso sulla destra dalla difesa del Bayern Monaco e con il sinistro non trova per il poco il palo lontano. Dall'altra parte i bavaresi trovano subito il vantaggio con Ribery. Servito da un traversone di Lahm, il francese aggancia e calcia forte con il destro beffando un non impeccabile Bürki. Per l'ex Marsiglia è il quarto gol stagionale ed è un po' più speciale degli altri, perché arriva il giorno dopo il suo 34esimo compleanno. La reazione del Borussia Dortmund è praticamente nulla, il Bayern ne approfitta per farne un altro: su calcio di punizione dal limite guadagnato da Ribery, ci pensa Lewandowski a firmare il suo 25esimo gol in campionato e soprattutto il 2-0 che spiana la strada agli uomini di Ancelotti.

Colpo durissimo per la squadra di Tuchel, i gialloneri sono completamente in balìa degli avversari, vicini ancora al gol al 17' con un ispiratissimo Arjen Robben (sinistro a giro fuori di nulla). Al 20' ennesimo colpo di scena del match: Guerreiro sfrutta un errore in disimpegno di Vidal e con un sinistro pazzesco dal limite batte Ulreich, infilando il pallone sotto l'incorcio. 2-1 e giochi completamente riaperti all'Allianz Arena. Alla mezz'ora un contropiede di Robben rischia di essere letale, ma Bürki ci mette la manona e manda in angolo. I ritmi delle due squadre sono forsennati, rendendo ogni azione un potenziale pericolo e facilitando le giocate di giocatori molto veloci come Aubameyang e Robben. È proprio quest'ultimo a provarci ancora al 40' con un altro sinistro salvato in corner dal portiere avversario, mentre a pochi secondi dall'intervallo ci prova Lewandowski con il destro: fuori di poco.

La ripresa

Il primo brivido del secondo tempo nasce dai piedi di Aubameyang, bravo a inserirsi alle spalle dei difensori del Bayern Monaco e ad andare vicino al gol con un destro potente. Come nel primo tempo, però, i bavaresi non perdonano e con un super Arjen Robben trovano il pesantissimo 3-1. L'ex Real Madrid e Chelsea, lanciato in contropiede, salta due uomini a modo suo e imbuca il pallone nell'angolino basso facendo impazzire l'Allianz Arena. La sfida cala d'intensità, con il Bayern intento a gestire il pallone e il Borussia Dortmund incapace di reagire.

L'occasione più ghiotta per gli ospiti capita ad Aubameyang, che lanciato a rete prova a battere Ulreich ma viene fermato sulla linea da Boateng. Sul ribaltamento di fronte Lewandowski, a tu per tu con Burki, viene steso e si guadagna un calcio di rigore. Dal dischetto si presenta proprio il polacco, glaciale a spiazzare Burki e a siglare la sua personale doppietta, diventando così capocannoniere della Bundes con 26 gol davanti ad Aubameyang. L'ultimo guizzo del match è un tiro molto insidioso di Pulisic salvato da un ottimo intervento del portiere del Bayern. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.