Calcio, false cittadinanze a 300 giocatori brasiliani: due arresti

I Carabinieri hanno scoperto un giro di pratiche false grazie al quale circa 300 calciatori brasiliani avevano ottenuto illecitamente la cittadinanza italiana.

Carabinieri

46 condivisioni 0 commenti

di

Share

La lotta delle forze dell'ordine contro la malavita è un'attività quotidiana che si dipana su una molteplicità di livelli e di settori. Non c'è pace nemmeno per il calcio che, con gli interessi che muove, non può essere immune da traffici illeciti. È di queste ore la notizia della scoperta da parte dei Carabinieri di un giro di pratiche false che, dietro compenso in denaro, hanno consentito a circa 300 cittadini brasiliani di ottenere la cittadinanza italiana senza avere i requisiti di legge.

Fra questi, stando alle prime notizie, ci sarebbero calciatori che militano nella massima serie dei campionati italiano, francese e portoghese. I Carabinieri hanno posto agli arresti domiciliari il responsabile dell'Ufficio di Stato Civile di un Comune del Napoletano e il titolare di un'agenzia di pratiche amministrative di Terni. I reati contestati sono corruzione, falsità ideologica e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina.

Non sono ancora stati resi noti i nomi dei calciatori brasiliani che hanno ottenuto la cittadinanza in questo modo, ma si sa che ci sono giocatori che militano nel Monaco (Ligue 1), nell'Atletico Mineiro (massimo campionato brasiliano) e, per quanto riguarda il nostro massimo campionato di calcio, nel Palermo.

Carabinieri al lavoro
L'inchiesta dei Carabinieri ha smascherato un giro di pratiche false nel calcio (foto Ansa)

Calcio e false cittadinanze

Non è la prima volta che si verifica un caso del genere ad alti livelli nel calcio del nostro paese. Il più celebre fu quello denominato "passaportoli", che nel 2001 coinvolse giocatori di grande notorietà come Alvaro Recoba, Juan Sebastian Veron e Dida fra gli altri, e portò, attraverso i vari gradi di procedimento, alla condanna di alcuni calciatori e di diversi dirigenti di società.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.