UFC offre PRIDE 10, Kazushi Sakuraba vs Renzo Gracie

Kazushi Sakuraba vs Renzo Gracie è un match classico che tutti gli appassionati di MMA dovrebbero vedere. Il teatro è la Saitama Super Arena, l'evento è PRIDE 10.

PRIDE 10, Sakuraba vs Gracie

39 condivisioni 0 commenti

di

Share

27 agosto 2000, PRIDE 10. Il giapponese Kazushi Sakuraba, vera e propria leggenda dello sport, stava costruendosi l’eredità che lo avrebbe accompagnato per tutta la carriera, sottolineata da quel soprannome che lo avrebbe reso famoso: "Il cacciatore dei Gracie".

Sakuraba era reduce da un incontro in cui aveva trovato la sconfitta a causa dello sfinimento. Aveva abbandonato al termine del primo round da 15 minuti il match contro l’uomo più forte di allora, “Ice Cold” Igor Vovchanchyn. C’è da dire qualcosa sulla notte del PRIDE Grand Prix del 1 maggio 2000: prima del match contro Vovchanchyn, Sakuraba aveva stabilito un record che persiste ancora.

Il giapponese aveva infatti combattuto per 6 round da 15 minuti, un totale di un’ora e mezza, contro il più grande rappresentante di allora della famiglia Gracie, Royce, sconfiggendolo alle sue condizioni. Sakuraba era temerario e coriaceo e si era guadagnato il soprannome di “The I.Q. Wrestler” grazie alla predisposizione strategica e alla tattica che applicava dentro al ring, anche con avversari più pesanti o apparentemente più forti.

UFC, PRIDE, poster dell'evento PRIDE 10
Poster ufficiale dell'evento PRIDE 10. Kazushi Sakuraba strangolato ironicamente da una ragazza.

Sakuraba vs Gracie, PRIDE 10. Un classico.

Con un record di 9-2-1, 1 NC, il giapponese si avviava a collezionare un’altra testa importante: quella del cugino di Royce, Renzo. Il PRIDE era il palcoscenico più importante delle MMA nel 2000. Il brasiliano si presentava con un record di 9-1-1, 1 NC. Era probabilmente il terzo Gracie più duro, dopo, in ordine, Rickson e Royce. Con un background incredibile nel BJJ, avendo anche perfezionato le tecniche di striking, Renzo era uno dei Gracie più pericolosi in circolazione. Il capostipite dei Gracie in ambito MMA, Rickson, aveva da poco combattuto l’ultimo incontro della sua carriera. Si sarebbe parlato in seguito di un probabile match fra lui e Sakauraba con ben cinque milioni di dollari di borsa per ognuno. Sembra strano sentire di una quota così esagerata oggi che la borsa più alta riconosciuta è quella percepita da Conor McGregor, ma negli anni 2000 in Giappone non era raro sentire di borse così importanti. Rickson venne a conoscenza della perdita del figlio maggiore Rockson, partito per New York con l’intenzione di fare il modello. Avrebbe saputo tempo dopo che Rockson era stato trovato morto per overdose; il padre non avrebbe mai più combattuto.

Sakuraba si stava costruendo un nome: quale medaglia migliore del terzo Gracie più forte in circolazione?

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.