Batistuta contro la Fifa: "Ha ucciso Messi. Darei una chance a Icardi"

Per Batigol la nazionale dovrebbe dare un'occasione a Mauro Icardi. Poi critica la Fifa per la squalifica a Messi e la Pulce per alcuni atteggiamenti ambigui...

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

E alla fine arrivò Leo Messi. Prima di lui però il bomber più prolifico della storia della nazionale argentina era Gabriel Omar Batistuta. E lo sanno bene sia a Firenze, dove per anni è stato il re indiscusso rendendo la Fiorentina una delle sette sorelle, e a Roma, dove nel 2001 ha vinto lo scudetto.

A Roma e a Firenze se parla Batistuta non si può che ascoltare con attenzione. Perché ci capisce, ma anche per rispetto. Inoltre Batigol non sa essere banale. Non lo era in campo, non lo era nelle esultanze, non lo è nemmeno nelle dichiarazioni.

Con poche parole Batistuta ha trattato diversi argomenti: la squalifica di Lionel Messi, che appare sproporzionata (soprattutto considerando che il torneo di qualificazione ha un numero di partite abbastanza ridotto), la mancata convocazione di Mauro Icardi, così come il futuro della nazionale argentina, che al momento è in grave difficoltà.

Vota anche tu!

Mauro Icardi meriterebbe la nazionale?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Batistuta attacca la Fifa per Messi. E su Icardi…

Messi la squalifica rimediata per i fatti avvenuti durante la partita fra Argentina e Cile non la digerisce proprio. Perché, a suo dire, è ingiusta. Eppure è stato squalificato per 4 partite. La prima, saltata contro la Bolivia, la sua Argentina l’ha persa, mettendo a rischio la qualificazione al Mondiale. Batistusta però, intervistato da TyCSports, ne ha per tutti. Per la Fifa, che ha inflitto a Messi una squalifica sproporzionata:

Così lo stanno uccidendo. Se lo ha fatto apposta a farsi squalificare? Si sarebbe inventato un infortunio per rimanere in Europa.

Un commento anche su Gonzalo Higuain, sempre più decisivo con la Juventus ma troppo spesso in difficoltà in nazionale. Con l’Argentina il Pipita ha infatti segnato appena un gol nelle ultime 6 gare, fra l’altro al Perù, quindi ad un’avversaria nettamente più debole:

A me Gonzalo piace molto, ma non riesce a ripetere quanto fa in Europa. Se ha bisogno di un po’ di relax, perché non dare un'opportunità Icardi?

Effettivamente se lo stanno chiedendo in molti. Icardi però, non riesce a giocare con l’Argentina da quasi 4 anni. L’unico a dargli la possibilità fu Sabella nel 2013. Da quel momento la nazionale e Icardi sono sempre rimasti a distanza. Per questo Batistuta prova a sponsorizzarlo.

Vota anche tu!

Simeone sarebbe il ct adatto per rilanciare l'Argentina?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Con l’Argentina in evidente difficoltà, ci si interroga anche sul futuro della nazionale. Giusto continuare a puntare su Bauza, o sarebbe meglio trovare una nuova guida? Batistuta un’idea chiara ce l’ha:

Simeone è destinato ad essere l’allenatore della nazionale. Sampaoli invece, pur essendo un buon allenatore, non so se potrebbe essere l’ideale per l'Argentina.

"Io ignorato dalla squadra"

C'è spazio anche per un retroscena: 

Sono andato a trovare la nazionale nello spogliatoio, credevo mi venissero incontro per salutarmi e invece metà di loro mi ha ignorato. Non credo sia mancanza di rispetto, forse è dovuto al cambio generazionale. Io con questi ragazzi non ho nulla a che fare. Non mi aspettavo mi salutassero perché sono Batistuta, ma perché ho giocato con la maglia dell'Argentina. Noi ci comportavano da comuni mortali e la gente se ne accorgeva, questa nazionale ha giocato tre finali ma non è vicina alla gente. 

Mai banale. Non lo era in campo, non lo era nelle esultanze, non lo è nemmeno nelle dichiarazioni.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.