Il Real Madrid non era il problema: Odegaard, panchina anche in Olanda

Il norvegese non trova spazio nemmeno nell'Heerenveen in Eredivisie: solo quattro minuti giocati nelle ultime tre partite. Potrebbe tornare in Norvegia.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Due anni fa il suo acquisto da parte del Real Madrid aveva scomodato i media di mezzo mondo, e non solo quelli sportivi. Martin Odegaard aveva 16 anni e 1 mese quando, stregato dal suo talento, Florentino Perez lo aveva strappato alla concorrenza dei maggiori club europei, riuscendo a essere il più convincente di tutti con la dirigenza dello Stromsgodset, la società per la quale il ragazzo giocava in Norvegia.

Trequartista di ruolo, ma adattabile anche a mezzala, il ragazzo aveva affascinato Perez per le sue doti tecniche e per la sua grande capacità di vedere il gioco, davvero rara a quel livello in un giocatore così giovane. A Madrid il giovane norvegese era stato aggregato al Castilla, in Segunda Division, dove aveva avuto un maestro d'eccezione, Zinedine Zidane.

Il 23 maggio 2015, a 16 anni e 5 mesi, Odegaard aveva anche esordito in Liga, subentrando al minuto 58 di Real Madrid v Getafe nientemeno che a Cristiano Ronaldo, autore di una tripletta. Una sostituzione alla quale, forse troppo in fretta, i media spagnoli avevano assegnato un significato simbolico: ecco la staffetta del futuro. Ma c'era ancora il presente da vivere e per Martin a Madrid non è stato tutto facile: solo 5 gol in una sessantina di partite di Segunda Division e quei 32 minuti contro il Getafe sono rimasti gli unici disputati in Liga.

Odegaard subentra a Cristiano Ronaldo
Il momento storico: Odegaard subentra a Cristiano Ronaldo nel maggio 2015

Real Madrid: Odegaard in panchina anche all'Heerenveen

Così, a gennaio, lo staff del Real Madrid ha deciso di mandarlo a fare esperienza all'Heerenveen in Olanda, in un campionato dove potesse giocare titolare, anche perché avrà pure solo 18 anni ma, con uno stipendio di 3,5 milioni lordi, mica poteva rimanere a languire in Segunda. Purtroppo, però, la stella di Odegaard non sta brillando nemmeno in Eredivisie dove, su 12 partite, ne ha disputata solo una per intero e, negli ultimi tre match, ha giocato 4 minuti in tutto.

Odegaard contro il Psv
Odegaard con la maglia dell'Heerenveen contro il Psv Eindhoven

Norvegia divisa

Intanto la Norvegia è divisa fra chi, come l'ex tecnico di OdegaardAndré Bergdolmo, dà la colpa ai metodi di allenamento del Real Madrid - troppo lavoro in sala pesi - e chi comincia a fare della facile ironia, come la rivista Sporten:

Forse gli farebbe bene tornare in Norvegia: potrebbe giocare con gli amici e mangerebbe di nuovo le polpette della mamma.

Odegaard presentazione
La presentazione di Odegaard all'Heerenveen

Ma per Odegaard - che ha comunque sempre solo 18 anni - la bocciatura più bruciante è arrivata da un santone del calcio scandinavo, Lars Lagerback, autore del miracolo Islanda a Euro 2016 e ora ct della Norvegia che, motivando la sua esclusione dai convocati per l'ultimo match contro l'Irlanda del Nord, ha detto:

Per questa partita preferisco chiamare un altro tipo di giocatori.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.