Manchester United, Ibrahimovic: "Non sono qui per perdere tempo"

Mourinho se la prende con l'arbitro e Ibrahimovic ammette di non essere arrivato al Manchester United per perdere tempo. Ai Red Devils non va già l'ultimo pareggio.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Non è lì per perdere tempo. Il conquistatore, prima di andarsene, completa sempre la sua missione. E lo sa bene, Ibrahimovic. Ok le voci di mercato e il sogno americano, ma Zlatan vuole lasciare un ricordo indelebile al Manchester United. Una squadra spesso in difficoltà, come ha ammesso ieri sera Mourinho. Perché l'ultimo pareggio al 93' contro l'Everton porta ai Red Devils negatività e tante polemiche.

E se non ci fosse Ibrahimovic... Già, sarebbero problemi. Ieri Zlatan, a pochi secondo dal fischio finale, ha trasformato il rigore valido per ricucire lo strappo contro i Toffees. In precedenza, però, lo svedese si era visto annullare un gol per un fuorigioco al limite. Poi, a fine gara, lo sfogo. Suo e di Mourinho: il portoghese, in particolare, rimprovera alla squadra la poca efficacia sotto porta. Senza risparmiare, tra le altre cose, critiche al direttore di gara.

Dritto al punto, Zlatan. Ibrahimovic, ai microfoni di BT Sports, si definisce un leone in mezzo a dei micetti. Intanto, in attesa del big match tra Manchester City e Chelsea, la zona Champions League dista quattro punti. Mourinho, se non dovesse centrarla, fallirebbe senza dubbio anche il minimo obiettivo stagionale.

Ibrahimovic, un leone in mezzo a dei micetti

Ibrahimovic, tanta rabbia dopo l'ennesimo pareggio
Zlatan Ibrahimovic, è lui il salvatore del Manchester United

Una definizione destinata a diventare un claim. Ma oltre a questa puntura dialettica Ibrahimovic si è spinto bene oltre. Dal campo allo spogliatoio, poi qualche pillola su suo futuro:

Sento molta responsabilità e pressione su di me. Al Manchester United bisogna fare sempre più del massimo. Ma qui sembra che solo io voglio vincere le partite: ieri, però, non ci sono riuscito. Mi sento un leone in mezzo a dei micetti.

Il Manchester United ieri ha giocato due partite. La differenza tra primo tempo e ripresa è stata abissale. L'attitudine e la confidenza col pallone sono mutate nel corso della partita. In mezzo al campo, come spesso capita ai Red Devils, è mancata la fusione tra muscoli, tecnica e cervello. Il rigore al fotofinish di Ibrahimovic non è un valido motivo per sorridere. Anche se, poco prima, lo svedese si è visto negare una rete per un fuorigioco millimetrico. E in conferenza stampa Mourinho ha punzecchiando ironicamente l'arbitro, ammettendo che la sua è stata una decisione complicata, però:

Con la VAR avremmo vinto la partita. Non sono critico col guardalinee, ma quando ci sarà la moviola in campo tutti gli arbitri ne potranno beneficiare.

Ma il fallimento dei Red Devils è sotto gli occhi di tutti. Parola di Ibrahimovic:

La classifica non mente, siamo dove meritiamo di stare. Non ricordo l'ultima volta in cui sono arrivato secondo. Ero al Milan: era la prima posizione degli ultimi, non mi piace. Qualunque cosa dopo il primo posto è un fallimento per me.

Inevitabilmente, poi, Ibra spinge anche sul tasto del futuro. Sarà negli Stati Uniti?

Sono venuto qui per vincere. Se avessi qualcosa da dire lo avrei già detto, non c'è nulla da dire. Stiamo parlando, non ci sono novità. Vediamo cosa accadrà, non c'è ancora nulla di fatto. Ma ho 35 anni, un sacco di cose devono essere risolte.

Intanto Mourinho digerisce con difficoltà l'ennesima X segnata sulla sua tabella di marcia. E consapevole che, spesso, Ibrahimovic non basta. Proprio lui, 'un leone in mezzo a dei micetti'.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.