WWE, Heyman: "Un ritorno di Brock Lesnar in UFC? Non lo escludo"

Proprio quando le speranze sembravano del tutto svanite, Paul Heyman apre ad un ritorno di Brock Lesnar in UFC, nonostante l'attuale squalifica per doping.

L'ex campione UFC Brock Lesnar assieme al suo manager, Paul Heyman Photo Credits: WWE Poland

269 condivisioni 0 commenti

di

Share

Sembrava essere calato il sipario sulla carriera nelle MMA di Brock Lesnar, che - dopo esser ritornato in azione a UFC 200 - è riuscito a rimediare una squalifica per doping che lo terrà fuori fino al prossimo luglio. L'annuncio del ritiro subito dopo la sanzione aveva fugato ogni dubbio sul futuro dell'ex campione pesi massimi UFC, che sembrava avviarsi definitivamente verso i soli binari della WWE. Tuttavia, Paul Heyman non sembra essere d'accordo sulla questione. Colui che prima di essere il manager è un fraterno amico di Lesnar non ha chiuso la porta a un eventuale ritorno dello stesso all'interno dell'ottagono più famoso al mondo. D'altronde - nonostante i dissing - l'apporto fornito dal pro-wrestler a UFC e alle arti marziali miste in generale in termini di bacino d'utenza è sempre stato sotto gli occhi di tutti.

Ma entrando nello specifico, cosa potrebbe dare ancora a UFC un eventuale ritorno di Brock Lesnar? La risposta è arrivata lo scorso 9 luglio. Alla T-Mobile Arena di Las Vegas l'attuale membro del roster WWE è stato in grado di annichilire un certo Mark Hunt, striker pericolosissimo e veterano storico delle MMA e del K-1, nonché ex contendente al titolo dei pesi massimi ad interim. Puntare dunque a un posto in top 6 per il Lesnar visto a UFC 200 non sembra assolutamente impresa proibitiva, vista la pochezza di una categoria che, tolto il newcomer Francis Ngannou, continua a registrare sempre gli stessi nomi nei primi cinque piazzamenti della classifica di categoria.

Prima di lasciarsi andare a qualsivoglia tipo di ragionamento, bisognerà però capire se e quanto le parole di Paul Heyman possano effettivamente corrispondere a verità. Alla soglia dei 40 anni, infatti, Lesnar dovrà sciogliere le riserve al più presto: se, come sostenuto dal proprio manager, il ritorno in UFC sarà concretamente fattibile, non bisognerà perdere tempo in inutili schermaglie. La possibilità più concreta in caso di rientro potrebbe essere quella di un superfight con uno dei grossi nomi del panorama dei pesi massimi attualmente in attività, anche se ci riesce difficile pensare a qualcuno da poter effettivamente associare a Brock Lesnar nell'ottica di un match, al momento.

Lesnar vs Hunt
Brock Lesnar colpisce Mark Hunt a UFC 200, ultimo match nelle MMA in ordine di tempo per The Beast.

WWE, Paul Heyman: "Non posso escludere un ritorno di Brock Lesnar in UFC"

Come chiarito dallo stesso Heyman ai microfoni di FOX Sports, le prospettive di carriera di Lesnar potrebbero portarlo in ben altri lidi che non siano quelli del solo wrestling, nonostante quest'ultima attività resti la sua principale forma di guadagno. Possibile allora che l'ex campione del mondo decida dunque di tornare in UFC per dimostrare ancor di più il suo valore all'interno della gabbia.

Sapete, per Brock possiamo fare un po' lo stesso discorso che si sta attualmente facendo per McGregor vs Mayweather. Lesnar ha fatto un'impresa impossibile quando, a nove mesi dal suo esordio in UFC, ha conquistato la cintura dei pesi massimi. Il mio assistito è stato in grado di battere leggende di questo sport come Randy Coture, pur non essendo al 100% fisicamente. A UFC 100 ha distrutto un Frank Mir che lo aveva sottomesso poco tempo prima, gonfiandolo di botte. Con Brock non puoi mai sapere cosa accadrà in futuro, lui è un conquistatore. Potrebbe anche decidere di diventare un pilota d'auto, che ne so. Proprio per questo, lui un giorno potrebbe guardarsi intorno e dirmi: "Voglio combattere di nuovo".

Cosa ci sarà di concreto nelle parole di Heyman? Brock Lesnar tornerà mai a competere in UFC? Ancora, purtroppo, siamo ben lontani dal potervi dare una risposta concreta. Sta di fatto però che un eventuale ritorno dell'ex campione porterebbe ulteriori introiti e ancor più visibilità alla promotion di Dana White, che mai ha fatto mistero del debole provato nei confronti dell'attuale rappresentante del roster WWE.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.