Maratona di Milano: doppietta keniana e 2° posto di Anna Incerti

Domenica di festa in occasione della 17esima edizione della EA7 Emporio Armani Milano Marathon andata in onda sugli schermi di Fox Sports HD.

14 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Maratona di Milano ha richiamato 6300 maratoneti, 12000 partecipanti alla Relay Marathon benefica e 6253 tra bambini e ragazzi che hanno invaso i 2 km da Corso Venezia a Via Palestro per la School Marathon. È stata una mattinata ricca di spunti tecnici e agonistici ma anche di storie da raccontare, come quella di Anna Incerti che ha tagliato il traguardo in seconda posizione in 2h29’58 a sei secondi dalla sorprendente vincitrice keniana Sheila Chepkoech, che ha demolito di oltre dieci minuti il record personale con 2h29’52”.

Anna Incerti
Anna Incerti, 37 anni

Incerti: "Risultato che mi dà fiducia"

La 37enne palermitana era visibilmente commossa al traguardo e ha ricevuto l’abbraccio del marito friulano Stefano Scaini, che le ha fatto da pacemaker per tutta la gara. La gara femminile è stata un susseguirsi di colpi di scena nei chilometri finali. Chepkoech ha provato ad attaccare a 2 km dalla fine ma Incerti non ha mollato tenendo testa alla keniana. Chepkoech ha staccato la trentasettenne azzurra solo nell’ultimo chilometro.

Ho avuto un periodo difficile - ha dichiarato Incerti - dopo le Olimpiadi nel quale ho pensato anche di non correre più maratone. Avevo il morale sotto le scarpe ma questo secondo posto mi dà tanta fiducia per il futuro. Dedico questo piazzamento a mia figlia Martina che non vedo da due settimane. Questo risultato mi qualifica per i Mondiali di Londra.

L'intramontabile Kenneth Mungara

L’altra storia da raccontare è quella del 43enne keniano Kenneth Mungara, che con il secondo posto in 2h09’37” alle spalle del connazionale Edwin Koech ha collezionato il terzo podio consecutivo alla Milano Marathon dopo il successo del 2015 e il terzo posto nel 2016. Mungara è diventato il beniamino del pubblico milanese perché rappresenta un esempio di come si possano ottenere buoni risultati anche in età non più giovanissima grazie ad una passione per lo sport nata solo a trent’anni compiuti.

Milano Marathon: la gara più veloce d'Italia

A livello tecnico la Milano Marathon si è confermata per il secondo anno consecutivo come la gara più veloce in Italia. Edwin Koech ha fermato il cronometro in 2h07’13” migliorando il precedente record all-time su suolo italiano detenuto da Benjamin Kiptoo, che nel 2009 fece registrare 2h07’17” a Roma. Koech ha migliorato anche il record della maratona meneghina detenuto dal 2008 da Duncan Kibet con 2h07’53” e il record personale che aveva ottenuto a Verona con 2h10’52”.

La gara è stata lanciata su ritmi velocissimi che nella prima parte hanno fatto sperare in un possibile attacco al muro delle 2h07’. Koech ha sferrato l’attacco decisivo al 30 km quando ha preso il largo su Mungara prima di portare il suo vantaggio a 1 minuto e 50 secondi al 35 km.

Sono orgoglioso di aver vinto questa gara. Mi aspettavo di poter battere il record del percorso perché nell’ultimo periodo mi sono allenato molto bene.

Ha detto Edwin Koech. Mungara è sceso sotto le 2h10” con 2h09’37” precedendo l’etiope Abdela Godana, che ha polverizzato il suo record con 2h10’05.

È stata una buona gara - ha detto Mungara - ma mi alleno per essere sempre il numero 1.

Il giovane azzurro di origini marocchine Yassine Rachik ha debuttato in maratona con un buon sesto posto ed è stato il primo degli europei in 2h13’22”.

Ringrazio il pubblico che mi ha incoraggiato tantissimo lungo tutto il percorso. Dal 25esimo km ho dovuto prendere l’iniziativa da solo e non è stato facile.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.