Uno stadio, un sogno: i progetti mai realizzati

Alla scoperta di progetti di stadi che non hanno mai visto la luce: dal sogno del Portsmouth all'isola del Barcellona, passando per il vulcano della Dinamo Zagabria.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

La costruzione di un nuovo stadio rappresenta uno dei temi principali per lo sviluppo e il futuro di ogni club di calcio. Lo sa bene l'Everton che sta muovendo passi decisivi per abbandonare Goodison Park e accasarsi nella zona di Bramley Moore Dock, sulle rive del fiume Mersey. Ma anche l'Atletico Madrid, prossimo a salutare il Vicente Calderon per trasferirsi nel quasi ultimato "Wanda Metropolitano". O ancora il Tottenham che sta costruendo il nuovo White Hart Lane e il Chelsea che inizierà tra qualche mese i lavori per il nuovo Stamford Bridge.

Insomma, non solo buoni propositi ma azioni concrete. In Italia la situazione non è certo delle migliori. L'approvazione dei progetti è infinita, le risorse economiche spesso scarseggiano e il risultato sono stadi vecchi e vuoti. I casi di Juventus e Udinese fanno storia a se, così come quelli di Fiorentina (che ha presentato recentemente il progetto) e Roma che all'orizzonte già intravedono una nuova casa. 

Prima o poi l'idea del nuovo stadio è balenata nella testa di ogni società, ma da lì a metterla in atto ce ne passa. Il Mirror ha parlato proprio di questo, di tutti quei progetti che sono rimasti su carta e non hanno mai visto la luce. 

L'avveniristico stadio del Liverpool

Anfield Road è uno degli stadi più belli al mondo. Non solo per la struttura, ma per la storia e l'aria che si respira all'interno di questo meraviglioso impianto. Eppure nel 2007 la società inglese pensò ad una nuova casa in zona Stanley Park, adiacente a quella attuale. Il rendering prometteva bene, ma venne subito bocciato dal comune. Oggi la società ha da poco ultimato i lavori per l'ampliamento di Anfield, arrivato ad una capienza di 54 mila posti.

Un'immagine del progetto del Liverpool
Lo stadio mai realizzato dal Liveprool

L'eleganza dell'Everton

Rimaniamo a Liverpool, per parlare di un progetto risalente al 2006. L'Everton mostrava un impianto da 50 mila posti situato nella zona di Kings Dock. Anche in questo caso la proposta venne respinta e i Toffees dovettero rimanere a Goodison Park. Ma ben presto la squadra allenata da Koeman avrà una nuova casa sulle rive della Mersey, un gioiellino che costerà all'incirca 350 milioni di sterline. 

Come doveva essere la nuova casa dell'Everton
Progetto per lo stadio dell'Everton mai realizzato

La fusione di Liverpool ed Everton

Qui invece parliamo di follia allo stato puro: costruire uno stadio siamese per Everton e Liverpool. Mostrato nel 2010, non vi diciamo nemmeno che fine abbia fatto questa bizzarra idea.

Lo stadio siamese di Liverpool ed Everton
Progetto di stadio siamese

Il folle sogno del Portsmouth

Il progetto più visionario in assoluto. Quando il Portsmouth si trovava stabilmente in Premier League, l'idea che venne alla società per un nuovo impianto si avvicinava moltissimo a un sogno irrealizzabile. Seguendo lo stile dell'Allianz Arena, l'impianto sarebbe dovuto sorgere al fianco della Spinnaker Tower, simbolo della città, e avrebbe dovuto avere una capienza di 36mila posti. La crisi finanziaria del club e la discesa nelle categorie minori hanno però cambiato i piani, facendo rimanere questo stadio una semplice illusione.

Il rendering dello stadio del Portsmouth
Il progetto-sogno del Portsmouth

La fabbrica del Chelsea

Prima dell'approvazione definitiva per la costruzione del nuovo stadio, anche il Chelsea è passato da una bocciatura. Nel 2012 la società di Roman Abramovich presentò il rendering di un impianto alquanto bizzarro: uno stadio costruito all'interno di una fabbrica. Vedere per credere.

L'idea del Chelsea
Progetto per lo stadio del Chelsea nel 2012

L'isola del Barcellona

Il Barcellona, si sa, è sempre stato un'isola felice. Bel calcio e grandi campioni come se piovessero, pubblico meraviglioso e situazione economica florida. Pensate che, per suggellare questo concetto, qualche tempo fa comparì un'immagine di uno stadio posto su un'isola artificiale sulle coste di Barcellona. Bellezza estrema, come la difficoltà per realizzaro. No problem, i catalani sono pronti per i lavori di ristrutturazione del Camp Nou.

Il progetto da sogno del Barcellona
L'idea dello stadio isola

L'idea del Bristol City

Squadra attualmente in Championship, nel 2007 il Bristol City presentò il progetto per un nuovo stadio. Fu bocciato subito, ora l'obiettivo numero uno del club è il ritorno nella massima serie inglese. 

La Lazio prima della Roma

Prima della Roma, che sta portando avanti con molta fatica il progetto per il nuovo stadio, fu la Lazio a pensare per prima di lasciare l'Olimpico e costruire un impianto tutto per sé. Il progetto dello "Stadio delle Aquile" non decollò mai, ma tutt'oggi non è stato accantonato. Il nodo da sciogliere? I terreni su cui dovrebbe sorgere, al chilometro 6,2 della Tiberina, che sono a rischio esondazione. Si attendono novità a breve.

L'idea della Lazio
Lo Stadio delle Aquile

Il vulcano della Dinamo Zagabria

Idea geniale, quella Dinamo Zagabria: costruire uno stadio a forma di vulcano. Purtroppo non ha avuto seguito, ma quanto sarebbe stato bello?

Il progetto della Dinamo Zagabria
Un incredibile progetto: lo stadio vulcano

La casa del Milan

Chiudiamo in bellezza, con il tanto chiacchierato stadio del Milan in zona Portello. Voluto fortemente da Barbara Berlusconi, il progetto non è stato però approvato. Di questo impianto (si parlava di meno di 50 mila posti, quasi la metà di S.Siro) rimarranno solo le immagini digitali.

Quello che sarebbe dovuto essere lo stadio del Milan
Il progetto del Portello

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.