Formula 1, McLaren avanti con Honda. Alonso: "Settimana difficile"

Giovedì si inizia da Melbourne, a Woking parlano di accordo totale con i giapponesi. E Fernando si prepara al debutto stagionale: "Sono carico, ma è dura".

Formula 1, Alonso scettico a Melbourne

32 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Sarà una settimana di passione e sofferenza per la McLaren. La Formula 1 inizia giovedì: a Melbourne è tutto pronto per il primo Gran Premio della stagione. Il team inglese è nettamente in ritardo rispetto agli altri big del Circus. Preoccupazione, tanta, voci antipatiche contro la Honda (fornitrice dei motori), smentite, presunti accordi con la Mercedes. E i test invernali di Barcellona sono andati malissimo: l’insofferenza di Fernando Alonso è ai massimi storici.

Si studiano alternative, anche se ormai, al ridosso del semaforo verde, sembra tardi. Gambe in macchina e correre. Togliendosi dalla mente anche quell’ipotetico accordo con la Mercedes per i propulsori nel 2018. La MCL32 è questa, di certo può solo migliorare. Va capito, però, fin dove questa nuova macchina può spingersi per arrivare al ridosso delle monoposto più veloci. L’annata scorsa è stata disastrosa, già da ora si vuole evitare di ripetere certi errori.
Formula 1, l'mmagine della McLaren Honda nei test
Formula 1, Alonso con la McLaren Honda a Montmelò

Formula 1, McLaren in difficoltà

A Woking cercano di rilanciare. Eric Boullier, il Racing Director della scuderia, allontana fin che può lo scetticismo:
Abbiamo avuto due settimane più complicate del previsto. Non sappiamo ora il nostro livello e non facciamo previsioni. Ma posso confermare che McLaren e Honda andranno avanti insieme ottimizzando al meglio il lavoro fatto. In Australia capiremo già molte cose.

Alonso in trincea

Soffre lo spagnolo. Lui, che è tra i più esperti piloti della Formula 1 di oggi, si prepara ad un’altra annata difficile:
Sono motivato per il 2017 e non vedo l’ora di cominciare. A Montmelò è stata dura: sicuramente sarà un fine settimana difficile per noi. Cercheremo di lavorare prima di tutto sull’affidabilità per provare almeno a divertirci.
Insomma, tempi duri in casa McLaren. Ci vuole pazienza, certo, ma in Formula 1 è una parola che non esiste: si deve andare veloci, non solo in pista. Qualcuno spera nella fortuna della nuova livrea arancione, in onore dei vecchi successi. Basta solo che quel colore non rappresenti il tramonto di una delle scuderie più importanti della storia delle corse.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.