Gabriel Jesus e Gündogan alla corte di Pirlo: "Semplicemente maestro"

L'attaccante brasiliano e il centrocampista tedesco del Manchester City hanno incontrato il fuoriclasse italiano, durante la loro visita al New York City FC.

Gabriel Jesus insieme ad Andrea Pirlo

1k condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

A lezione dal Maestro. Gabriel Jesus e Ilkay Gündogan sono saliti sull'aereo, hanno attraversato l'Atlantico e sono atterrati a New York. Ad accoglierli, i "cugini" del New York City FC e ovviamente lui, Andrea Pirlo. I due giocatori del Manchester City, entrambi infortunati di lungo corso, sono stati ospiti nel fine settimana della franchigia che milita in MLS e che, con gli Sky Blues, condivide i proprietari (il City Football Group).

L'occasione è stata la partita tra la formazione guidata da Patrick Vieira e il Montreal Impact: il match, valido per la 3ª giornata del campionato nordamericano, è terminato 1-1 e ha visto Pirlo in campo per tutti i 90 minuti. Bloccati dai rispettivi infortuni che li tengono fermi ai box da tempo, l'attaccante brasiliano e il centrocampista tedesco ne hanno approfittato per un'ambasciata nella Grande Mela.

Gabriel Jesus e Gûndogan hanno così potuto scambiare quattro chiacchiere con l'head coach Vieira, in "missione" a New York dopo i primi incarichi da allenatore nelle giovanili dei Citizens. I due si sono intrattenuti anche con David Villa, ma è l'incontro con Andrea Pirlo ad aver lasciato dentro loro il segno maggiore.

Gabriel Jesus e Gûndogan elogiano il "Maestro" Pirlo

Appena sbarcati allo Yankee Stadium, il talento classe 1997 e il mediano classe 1990 hanno subito chiesto al campione del Mondo 2006 una foto ricordo, puntualmente pubblicata sui rispettivi profili Instagram. Nonostante la stampella, che lo accompagna dopo la frattura al metatarso rimediata a metà febbraio, Gabriel Jesus si è lasciato andare a un sorriso sincero accanto al regista italiano. Per celebrarlo, il brasiliano non utilizza molte parole:

Semplicemente Maestro.

Simplesmente Maestro 👏

A post shared by Gabriel Jesus (@dejesusoficial) on

Più articolato invece l'omaggio che di Pirlo fa Gûndogan, alle prese ormai da dicembre con la rottura del legamento crociato: 

Bella chiacchierata con un calciatore che avrà sempre la qualità per dominare il gioco, a prescindere dall'età. Un vero idolo per ogni centrocampista centrale. Grazie per averci dato il benvenuto.

Per mettere a frutto i consigli che gli avrà elargito Pirlo, l'ex Borussia Dortmund dovrà attendere la prossima stagione: l'infortunio al ginocchio, l'ennesimo della sua carriera, lo terrà fuori dai giochi fino all'estate. Qualche speranza in più invece, per Gabriel Jesus, di tornare in campo entro il termine del campionato, dopo la frattura al piede che l'ha frenato dopo appena 5 presenze con il Manchester City. Alla soglia dei 38 anni (li compirà il prossimo 19 maggio), Pirlo ha invece cominciato da poche settimane la sua seconda stagione americana: dopo tre giornate, il suo New York City FC staziona a ridosso delle prime con 4 punti.

Share

Vota

Commenta

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Leggi di più.