WWE, Dean Ambrose a FOXSports.it: "Ritorno dello Shield? Chi lo sa..."

L'Intercontinental Champions di SmackDown si prepara per Wrestlemania 33 e la sfida con Baron Corbin: "Sembra sia così, ma mi aspetto di tutto". E sul futuro...

8 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

Una volta World Heavyweight Champion, una United States Champion e altre due, di cui una ancora in corso, Intercontinental Champion. Da quando è arrivato in WWE nel 2011, difficilmente Dean Ambrose non ha recitato un ruolo di primo piano nel mondo del wrestling targato Vince McMahon. Ci è riuscito grazie alla sua attitude di “Wild and crazy”, cioè selvaggio e folle, il modo in cui viene definito “The Lunatic Fringe”. Lui non sembra essere mosso da particolari ragionamenti, è un combattente che vive d’impulso, imprevedibile, capace di fare qualsiasi cosa, vincere o perdere contro chiunque. La scheggia impazzita si è tolta già un sacco di soddisfazioni, a cui va aggiunta anche la vittoria del Money in the Bank 2016, e a Wrestlemania 33 arriverà per la prima volta con una cintura stretta attorno alla sua vita. Proprio per parlare dell’evento del 2 aprile a Orlando, Dean Ambrose si è presentato in una conferenza stampa alla quale ha partecipato anche la redazione di FOXSports.it.

WM33 per Dean Ambrose

L’intervista è andata in scena poche ore prima dell’ultima puntata di SmackDown, dove l’ex membro dello Shield ha fatto un altro passo nella sua rivalità con Baron Corbin, che lo ha attaccato alle spalle nel backstage con una spranga di ferro, tentando poi di schiacciarlo con le forche di un muletto prima che riuscissero a intervenire arbitri e addetti ai lavori.

Anche se non è ancora ufficiale, è praticamente ufficioso che a WM33 i due si sfideranno con in palio il titolo di Campione Intercontinentale:

Così sembra, ma se vuole il mio titolo dovrà guadagnarselo e dimostrare di che pasta sia fatto. È uno dei tipi più duri di SmackDown, ma deve far vedere quello che vale. In ogni caso non so cosa succederà a Wrestlemania. Non so se affronterò uno, due, tre o altri avversari a Orlando. In WWE è così, ogni sera non sai mai con chi combatterai. Non so cosa accadrà, ma so che sarà una gran bella serata. Per noi è il giorno dell'anno.

Al quale per la prima volta nella sua carriera arriverà da campione in carica:

Wow, è vero. Non ci avevo pensato, è impressionante. Sono orgoglioso, ho lavorato molto per ottenere questa cintura e spero di mantenerla. È curioso perché, questo è un titolo appartenuto storicamente a "grandi lavoratori", come Bret Hart o Shawn Michaels. Anche io penso di essere così, un lottatore che lavora duramente ogni giorno per crearsi la sua reputazione.

Tra match del passato e sogni

A Wrestlemania 32 si sono sfidati sul ring Dean Ambrose e Brock Lesnar
Dean Ambrose contro Brock Lesnar a Wrestlemania 32

Ne ha dovute affrontare tante di sfide per arrivare a questo livello. Tra i molti match, però, ce n'è uno in particolare che è stato più complicato da affrontare:

In questi anni ho affrontato molti tipi differenti di wrestler e ognuno di essi rappresenta una sfida diversa. Ma credo che Brock Lesnar sia stato il più duro di tutti. Lui è molto fisico, aggressivo. Il suo match a Wrestlemania 33 con Goldberg? Non esiste uno scontro più duro.

Poi gli viene chiesto quale sia il suo match da sogno a Wrestlemania. Dean Ambrose si prende un po' di tempo prima di rispondere, ci vuole riflettere bene. E alla fine ecco il suo nome:
 
È una domanda molto complicata. Ma se proprio devo scegliere, allora dico Bret Hart. Mi sarebbe piaciuto combattere contro di lui. Nel roster di SmackDown chi mi piace? Gli American Alpha, mi piacciono molto e migliorano giorno dopo giorno. Mi piacerebbe sfidarli. Chi lo sa, magari chiederò di farlo davvero [ride, ndr].

Reigns, Rollins e The Shield

The Shield, la stable composta da Roman Reigns, Dean Ambrose e Seth Rollins
Roman Reigns, Dean Ambrose e Seth Rollins, insieme in The Shield
A proposito di Tag Team e Stable, inevitabile non tornare con la mente a The Shield, il gruppo composto da Ambrose, Roman Reigns e Seth Rollins. Su un possibile ricongiungimento, Dean risponde così:
Non si può mai sapere, non credo che adesso la gente ci stia pensando molto. Voi pensate possa essere una buona idea?
The Lunatic Fringe continua a sorridere e scherzare, ma poi il discorso viene approfondito:
Nonostante le nostre strade si siano separate, con Seth Rollins e Roman Reigns siamo sempre in contatto. Parliamo di tutto. Ma da quando siamo stati divisi ci incrociamo poco, come nella Royal Rumble e altri show. Ognuno di noi ha la sua agenda di appuntamenti, eventi dal vivo e così via. Loro sono insieme a Raw e io sono totalmente immerso dentro SmackDown. Il loro cammino mi rende orgoglioso, saranno sempre miei fratelli, abbiamo vissuto bellissimi momenti insieme e The Shield ha cambiato la nostra vita. Saremo sempre legati.
E chissà che un giorno le loro strade non si incrocino ancora. Intanto, a Wrestlemania 33, saranno tutti e tre di nuovo nella stessa arena...

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.