Roma, Nainggolan è la tua forza: ecco il giocatore totale migliore in Europa

Dopo i due bolidi rifilati all'Inter, è il miglior centrocampista del Vecchio Continente per gol. Spalletti lo esalta: "Qualità anormale". E il Chelsea lo segue sempre...

Roma, Nainggolan e la doppietta all'Inter

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Tolti gli ultimi dubbi: Radja Nainggolan è un giocatore che fa la differenza. L’ennesima prova - per convincere anche gli ultimi scettici - è arrivata ieri sera. Inter-Roma 1-3, doppietta del centrocampista belga con due ‘sassate’ dalla distanza che non hanno lasciato scampo ad Handanovic. E ora i giallorossi viaggiano soli verso la Champions League, ma soprattutto hanno la massima convinzione di avere un fuoriclasse in rosa. Va bene il bel gioco, ma un top player che ti sistema le partite è un pregio che pochi club si possono permettere.

Fattore Ninja

Un po’ di numeri: 37 presenze totali fin qui, 12 gol e 3 assist. L’80% di passaggi riusciti, un’ottima media. E più di 2 tiri in porta a partita, segno che Nainggolan ci prova, sempre, a metterla dentro. Destro potente, tecnica, tempo negli inserimenti, ma soprattutto forza. Il tiro del 2-0 che ha infilato Handanovic andava a 100 km/h: un bolide. Prima ha corso 60 metri con il pallone attaccato al piede.
Spalletti gli ha regalato più libertà in campo, ecco perché ora è un giocatore totale. E sta vivendo un momento d’oro: 5 reti nelle ultime 4 partite lo incoronano il miglior centrocampista d’Europa dal punto di vista realizzativo. Nessuno come lui nei maggiori campionati ha segnato 9 volte.

Usare l’aggettivo ‘totale’ nel calcio

Siamo agli inizi degli anni ’70: Rinus Michels, in Olanda, applica il totaalvoetbal, il calcio totale. Racchiude tutto ciò che si possa fare in campo: pressing, tattica del fuorigioco, difesa alta. Quell’aggettivo verrà poi usato sistematicamente nel mondo del pallone. Oggi lo si adopera soprattutto con i giocatori. Nainggolan è un centrocampista totale, forse il numero 1 della categoria. Perché corre ovunque in campo, solleva zolle, scivola in tackle (un suo marchio di fabbrica), fa partire il contropiede e, guarda un po’, spesso lo finalizza anche. Difesa e attacco, strappa palloni e insacca palloni.

Gran vittoria. Meritato.. +3!!! 💪🏻💪🏻⚽️⚽️

A post shared by Radja Nainggolan (@radjaclanainggolan) on

Dal punto di vista fisico è impeccabile: muscoli, baricentro basso, grinta nelle tasche. Ti sta a 3 metri, riguardi il pallone e vedi già lui che te l’ha scippato. 175 centimetri di altezza ma salta, appunto, come un ninja. Un insieme di cose che lo rendono un giocatore unico. Se sarebbe un personaggio uscito dai videogiochi, tutti lo userebbero per una bella partita a FIFA e poco dopo in un duello a Tekken. Calcio e arti marziali, il mix adatto.

Tenerselo stretto

Adesso lo sforzo però, deve farlo la Roma. Non pensare per un attimo allo stadio e cercare di blindare il Radja con un contratto d’oro. Il belga è in scadenza nel 2020: non parliamo di durata, ma di ingaggio. Oggi guadagna 3,2 milioni più bonus, vorrebbe arrivare a 5. Gli stessi che offriva il Chelsea nella passata estate: Antonio Conte stravede per lui. E i blues, per convincere i giallorossi, sul piatto di milioni ne misero 40. Troppo poco, e oggi vale ancora di più.
Luciano Spalletti, intanto, lo esalta nel post di Inter-Roma:
Nainggolan è questo qui: vede nelle partite importanti il massimo godimento della sua vita. Lui ha una qualità anormale; con costanza nel preparare la partita raggiungerà risultati ancora migliori.
Che poi la differenza tra giocatori normali e anormali sta tutta qui: essere decisivi nei momenti decisivi.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.