UFC, Jacaré: "Bisping è uno stupido. Io dopato? Mi testi lui stesso"

Bisping chiama, Jacaré risponde. Il brasiliano sferra il contrattacco, accusando il campione di manifesta codardia. A quando il giusto epilogo per la vicenda?

UFC 208 Jacaré vs Boetsch

44 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Mirata, cruda e diretta. Potremmo sintetizzare così la risposta rifilata da Ronaldo Jacaré Souza a Michael Bisping, campione pesi medi UFC che non ha perso occasione per attaccare il forte grappler brasiliano, fresco della vittoria su Tim Boetsch a UFC 208.

Attraverso un post pubblicato sui propri profili social, il Coccodrillo carioca ha deciso di controbattere alle accuse di doping formulate dal fighter britannico, rifilandogli anche una stoccata relativa alla competitività dell'ultimo avversario affrontato. Esplicito infatti il riferimento al match svoltosi proprio tra Dan Henderson e Michael Bisping, con quest'ultimo che ha rischiato più volte di capitolare contro il quasi cinquantenne statunitense, ritiratosi dopo UFC 204.

Guardate cosa accade quando io batto il n.13 nei ranking e quando invece lo fa Michael Bisping! Ho sentito tutta la me**a che mi ha buttato addosso, da buon vigliacco qual è. La verità è che non ha più altre scuse per evitare di affrontarmi. Ha detto addirittura che in piedi mi sono mosso come un dilettante contro il n.13 al mondo (Boetsch), quando lui dal n.13 di allora (Henderson) è stato picchiato violentemente

È stato mandato KO dal destro di Hendo, e riaffrontandolo dopo sette anni non è stato neanche in grado di prendere le misure alla mano che lo aveva mandato a nanna. Infine, sempre Bisping ha avuto qualcosa da ridire anche sul mio fisico. Al riguardo posso semplicemente dire una cosa: che si mettesse a lavorare con USADA e mi testasse lui stesso! Michael, sarebbe meglio che investissi su una carriera da blogger o giornalista, perché non sei assolutamente un vero combattente!

Non era certo impronosticabile una risposta simile da parte di Jacaré, che a dirla tutta continua a portare avanti il suo feud con Bisping ormai da un paio di mesi. Peccato però che ad oggi lo scontro tra i due sia ancora parecchio lontano: il campione pesi medi è infatti atteso dalla sfida al cubano Yoel Romero, nonostante Dana White abbia aperto ad un match con il rientrante Georges St-Pierre. In ogni caso, Souza dovrà attendere ancora un po' di tempo prima di regolare i conti con Michael Bisping. 

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.