Real Madrid, Drenthe: "Festeggiammo dopo i sei gol presi dal Barça"

L'ex centrocampista olandese del Real Madrid, oggi rapper, torna sul pesantissimo ko contro il Barcellona: "Uscimmo per dimenticare la sconfitta".

Royston Drenthe, ex centrocampista del Real Madrid

938 condivisioni 0 commenti

di

Share

Royston Drenthe, ex calciatore del Real Madrid tra il 2007 e il 2010, è tornato sul 2-6 subìto al Santiago Bernabeu contro il primo Barcellona di Guardiola, svelando un particolare retroscena. L'allora numero 15 dei blancos (20 presenze nella stagione 2008-09) ha infatti confessato di essere andato, qualche ora dopo il ko, a festeggiare insieme ai suoi compagni.

Uscimmo perché avevamo bisogno di cancellare quella sconfitta. A Madrid, uscire è considerato un tabù: puoi farlo solo se non hai perso. Ma noi eravamo una squadra molto giovane: un mio compagno mi chiamò e andai.

Con le dovute precauzioni, però.

Feci tutto di nascosto, neanche a mia moglie dissi nulla. Uscii di casa in maniera furtiva e percorsi la discesa con il cambio in folle, mettendo in moto la macchina solo dopo qualche metro.

Dal -1 in classifica ai sei gol subiti

BarcellonaCopyright GettyImages
Il Barcellona festeggia al Bernabeu il 6-2 ai danni del Real Madrid.

In pochi avrebbero potuto immaginare una sconfitta così schiacciante. Barça e Real arrivarono al big match del 2 maggio 2009 con quattro punti di distanza, a cinque giornate dal termine della Liga e con i blaugrana impegnati anche in Champions League e in Coppa del Re. Dopo l'avvicendamento in panchina tra Bernd Schuster e Juande Ramos, avvenuto un girone prima, le merengues avevano totalizzato 17 vittorie in 19 partite, consolidando almeno il secondo posto e dimezzando uno svantaggio che, a dicembre, era di otto lunghezze.

Vincere davanti al proprio pubblico avrebbe significato dunque andare a -1. Il Real passò addirittura in vantaggio con Higuain al 14', ma venti minuti dopo il Barça era già sopra di due gol con le reti di Henry, Puyol e Messi. Nel secondo tempo Sergio Ramos firmò il 2-3, gli uomini di Guardiola risposero ancora con Henry e Messi e infine con Piqué, che realizzò il 100° gol in campionato dei blaugrana (chiusero a 106). Il Madrid, scosso e ormai privo di ambizioni, perse anche le ultime quattro gare del campionato, finendo a -9 dai rivali di sempre.

Real MadridCopyright GettyImages
La disperazione dei calciatori del Real Madrid.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.