Ancelotti, dito medio ai tifosi dell'Hertha Berlino: "Sì, l'ho fatto"

Il tecnico del Bayern Monaco replica ai tifosi avversari furiosi per il pareggio subito a tempo scaduto e mostra il dito medio: "Prima loro mi avevano sputato".

Ancelotti, allenatore del Bayern Monaco

789 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il gol del solito Lewandowski a tempo scaduto ha reso tesissimo il finale di partita tra Hertha Berlino e Bayern Monaco. All'Olympiastadion non è stato digerito il pareggio arrivato al 96' sugli sviluppi di un calcio di punizione conquistato da Coman al limite dell'area al 95', che l'arbitro ha deciso di far battere comunque nonostante i 5 minuti di recupero fossero già trascorsi.

Così, subito dopo il pari del polacco, il portiere Jarstein ha tirato una pallonata addosso a Xabi Alonso rendendo ancora più incandescente il rientro negli spogliatoi, come commentato successivamente da Neuer:

Non si può fare una cosa del genere. Un giocatore non può calciare il pallone di proposito contro un avversario. Non è un buon esempio.

Il dito medio

Inutile dire che pure i tifosi di casa non l'abbiano presa con filosofia e alcuni di loro hanno individuato la loro valvola di sfogo direttamente nell'allenatore dei bavaresi, Carlo Ancelotti. Tra i vari insulti è volato anche uno sputo nei confronti del tecnico italiano, che ha messo da parte per un momento la sua tipica tranquillità e ha risposto per le rime, mostrando loro il dito medio. E al termine della gara non ha avuto problemi ad ammetterlo: 

Sì, ho fatto quel gesto perché mi hanno sputato. Ecco perché.

Ancelotti immortalato dalle telecamere di ZDF
Ancelotti immortalato dalle telecamere di ZDF

Un precedente

È la seconda volta nella storia della sua carriera che gli capita una cosa del genere. La prima nel luglio 2008 quando allenava il Milan e un gruppo di tifosi avversari della Juventus gli aveva intonato il coro "un maiale non può allenare". Anche in quel caso aveva ammesso il gesto spiegandone il motivo:

Non ne potevo più, è stata una reazione a degli ignoranti e lo rifarei anche adesso. Non hanno insultato solo me. Certa gente farebbe meglio a restarsene a casa.

Non si tratta di un inedito, insomma, e a maggior ragione avrebbe dovuto certamente evitare. Ma a sua parziale discolpa, c'è da dire che in questo caso la situazione era un po' diversa. 

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.