Basket, Milano e la rivincita su Sassari: la Coppa Italia è biancorossa

L'Olimpia bissa la vittoria dell'anno scorso e alza la 6a Coppa Italia della sua storia. Mvp Hickman (25 punti).

Ricky Hickman Mvp della Final8: 25 punti in finale

90 condivisioni 0 commenti 5 stelle

di

Share

E due! Milano, dopo il successo in Supercoppa italiana alla fine della scorsa estate, ottiene il suo secondo titolo stagionale bissando quello dell'anno passato. A Rimini la festa finale è tutta biancorossa ma alla Dinamo Sassari, avversaria come nel 2015 (quando i biancoblu vinsero nell'anno del Triplete), va dato l'onore della armi. L'84-74 matura infatti solo nell'ultimo quarto grazie ai 12 punti di uno strepitoso Hickman che ne fa 25 in totale e vince il titolo di Mvp.

EA7 Emporio Armani Milano – Banco di Sardegna Sassari 84-74

Sassari parte bene scuotendo il match con il 7-0 iniziale e in difesa Pasquini sceglie di affidare Raduljica a Sacchetti in quello che sulla carta è un missed match ma che in realtà è un mossa tattica del coach biancoblu che toglie dalla partita il serbo dopo 5'. E' proprio Brian che in attacco dà il primo vantaggio in doppia cifra alla Dinamo con la tripla del 16-6. Milano non pervenuta e Repesa comincia a modificare il suo quintetto iniziale, dove Pascolo, Raduljica e Kalnietis vengono presto sostituiti da Macvan, McLean e Dragic. Lacey segna 8 punti nei primi 10' e prosegue sulla positivissima strada tracciata nelle partite precedenti, ma i cambi di Milano accorciano il gap grazie a un maggior intensità che consente di prendere il controllo dei tabelloni. 11-19 dopo il primo periodo. L'energia di Cinciarini cambia il volto dell'Olimpia, che resta sotto ma ha un atteggiamento diverso. Carter spara due triple in rapida successione (15-25), la Dinamo amministra il proprio vantaggio ma il “supporting cast” di Milano, se così possiamo definire giocatori che in qualsiasi altra squadra di serie A sarebbero probabilmente titolari, non fa scappare Sassari. Il livello è alto, la gara gradevole, prima Dragic e poi Hickman danno il -2 all'Olimpia prima dell'intervallo.

Sanders prende in mano la situazione e manda subito avanti Milano a inizio ripresa guidando il 9-2 che porta i suoi a +5 in un amen. Pascolo, rimandato in campo dopo aver guardato il secondo parziale dalla panca, realizza 5 punti in fila; Hickman e Cinciarini (fin qui il migliore per plus/minus con +17) conducono a +9 Olimpia. Sassari sembra essersi arenata e non trova soluzioni comode in attacco. Il primo canestro di Stipcevic (dopo 0/4 dal campo) e quello immediatamente successivo di Bell a inizio ultimo quarto dicono che c'è ancora un partita (56-54). Dragic apre il quarto conclusivo con la tripla del +5 ma la finale non può che confermare il trend delle Final8, che hanno visto sempre partite equilibrate fino alla sirena. Sassari rimane a distanza di sicurezza con il libero di Lawal (61-59). A 5' dalla fine Hickman – in una delle sue migliori serate in maglia Olimpia – decide di vincerla: segna 7 punti in fila e danno a Milano il +9 che sembra poter decidere la partita. Stipcevic e Savanovic accorciano a -5, Lacey infiamma il pubblico sassarese col jumper del -3 (75-72) e la Dinamo, dopo la terza palla persa di fila di Hickman, ha la palla del pari ma sbaglia dall'arco con Bell e commette fallo in attacco, regalando a Macvan due liberi dall'alto peso specifico. Il serbo fa 2/2 e i possessi di distanza restano due (77-72). Kalnietis in penetrazione, a 27” dalla fine, sigla il +8 e chiude la contesa: Milano vince 84-74 e conquista la sua seconda Coppa Italia consecutiva, la sesta della sua storia.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.