Basket, Coppa Italia: bingo di Sassari e Brescia, la semifinale è vostra

La Dinamo rimonta e batte la Sidigas 69-68 (Stipcevic 15, Lacey 14), la Leonessa sorprende la Reyer 68-76 (Landry 19, Burns 15) e la raggiunge in semi.

Trevor Lacey cattura un rimbalzo nel match contro Avellino

23 condivisioni 0 commenti

di

Share

Sidigas Avellino - Banco di Sardegna Sassari 68-69

È una Coppa Italia al cardiopalma quella cui stiamo assistendo dalle tribune del campo allestito nel padiglione Bologna nella Fiera di Rimini, ribattezzata ormai “Fiera del basket”. Dopo un primo giorno con partite finite all'ultimo secondo, anche il primo match della seconda giornata è dello stesso rango. Avellino parte fortissimo andando anche a +12 nel primo parziale. Sassari è stordita ma non morta e dopo aver subito il 5/10 da tre punti della Sidigas nel primo tempo torna a contatto grazie a Carter e Stipcevic, portando il match a un finale punto a punto.

L'ultimo quarto e mezzo è una favola: continui cambi di padrone e un finale da cuori forti. Sassari piazza il break del +5 a 5' dal termine con la tripla di Carter (59-64), ma l'altalena non finisce qui e Leunen dà il nuovo vantaggio ad Avellino (66-64). Sul +1 Sassari il fallo tecnico di Sacchetti rischia di compromettere il piano partita di Pasquini: Leunen ringrazia e pareggia dalla lunetta ma nel possesso successivo perde una palla sanguinosa recapitandola direttamente alla panchina avversaria. Fesenko si addormenta su un rimbalzo già suo (in difesa) e Stipcevic lo punisce a 50” dalla fine (68-69). Termina così, con l'ultimo tentativo in penetrazione di Ragland, finito solo sul ferro. Sassari, un po' a sorpresa, raggiunge la semifinale: giocherà sabato alle 20.45.

Umana Reyer Venezia – Germani Brescia 68-76

Se la vittoria di Sassari su Avellino è una mezza sorpresa, quella di Brescia su Venezia lo è del tutto. Il successo della Leonessa però è meritatissimo: Landry e Burns concretizzano, Vitali sfiora la doppia doppia (11 punti + 9 assist) con la solita mole di passaggi vincenti e Berggren ne segna 12 nei primi 5'. Brescia va comodamente avanti nel primo quarto, fino al +10 del 10', ma Venezia risponde presente mettendo la testa avanti per la prima volta sul 28-27 a fine secondo quarto, chiuso comunque avanti dalla squadra di Diana.

La presenza in area avversaria, con tanti secondi tiri concessi da una distratta difesa orogranata, permette alla Germani di tenere il comando anche nel secondo tempo. La gara resta in equilibrio fino agli ultimi 3', quando la tripla di Luca Vitali manda i suoi a +8, di fatto decidendola. Venezia esala gli ultimi respiri in una partita dove non avrebbe meritato di vincere e il finale è un tripudio biancoblu, con Landry Mvp e Luca Vitali ancora una volta mentore di una squadra che non vuole smettere di sognare. Domani sera alle 20.45 semifinale contro Sassari.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.