Pescara, Oddo saluta i tifosi: "Avrei voluto aiutare la squadra, scusate"

Dalla promozione alle difficoltà di questa stagione: in un post su Instagram l'ex allenato del Delfino ha voluto ringraziare la sua città. E il club sta scegliendo il nuovo tecnico.

L'ex tecnico del Pescara, Massimo Oddo

760 condivisioni 0 commenti 0 stelle

di

Share

Il tira e molla è finito. Nella giornata di ieri il Pescara tramite un comunicato ha sollevato Massimo Oddo dall'incarico di allenatore. Una decisione sofferta, arrivata al termine di un lungo confronto tra il tecnico, il presidente Sebastiani e il ds Leone. A poche ore dal suo esonero, Oddo ha postato un messaggio toccante sul suo profilo Instagram: ha voluto salutare la città ripercorrendo i momenti salienti della sua esperienza alla guida del Delfino.

Il calcio spesso regala grandi gioie, momenti indimenticabili e intense emozioni. Un mix di sentimenti che ci porta ad amare questo sport e a viverlo con grande passione. In questi anni a Pescara ho avuto la fortuna di vivere tutto questo. Di gioire con la mia città, con la mia gente, ma anche di soffrire con loro. Un percorso bellissimo iniziato con una promozione sfiorata, proseguito poi con una stagione straordinaria che ci ha portato meritatamente in Serie A, a confrontarci con grandi realtà e grandi squadre. Un percorso che termina oggi, dopo mesi difficili, durante i quali avrei voluto fortemente aiutare questa squadra a raggiungere l'obiettivo prefissato. Non ci sono riuscito e per questo chiedo scusa alla Città e ai pescaresi che, nonostante tutto, non hanno mai fatto mancare il proprio sostegno alla Squadra. Voglio ringraziare di cuore il mio Staff, tutti i giocatori con i quali ho condiviso questa avventura e tutte le persone che lavorano con grande professionalità e dedizione ogni giorno all'interno del Pescara Calcio. Infine voglio ringraziare il presidente Sebastiani per avermi dato la possibilità di iniziare una nuova carriera, quella di allenatore, ma soprattutto per avermi regalato la gioia immensa di guidare la mia squadra del cuore. Con affetto Max Oddo e sempre #forzapescara @pescaracalcio1936

A post shared by Massimo Oddo (@maxoddo76) on

Il percorso

Un'avventura iniziata quasi due anni fa. Quando Oddo - all'epoca tecnico della Primavera del Pescara - viene chiamato per sostituire Marco Baroni alla guida della prima squadra: è il 16 maggio 2016 e manca solo una giornata al termine del campionato di Serie B. Porta il Delfino ai play-off grazie alla vittoria nello scontro diretto con il Livorno. Un miracolo che non si compie a causa del doppio pareggio contro il Bologna in finale (vengono promossi i rossoblù per il miglior piazzamento in classifica).

Ma il presidente Sebastiani vuole puntare su lui, è convinto che l'ex calciatore di Lazio e Milan abbia le capacità per centrare la Serie A. E non sbaglia: il 9 giugno 2016, dopo aver battuto ai play-off Novara in semifinale e il Trapani in finale, ottiene la promozione. Alla prima stagione nel massimo campionato però, le cose non vanno per il verso giusto: una rosa non all'altezza e qualche scelta sbagliata condannano il Pescara all'ultimo posto in classifica dopo 24 giornate (senza mai vincere una partita sul campo).

Il saluto

Ha sempre dimostrato un attaccamento particolare alla sua città, Massimo Oddo. Ecco perché nel suo messaggio di commiato, l'ex tecnico si è lasciato andare a un ricordo agrodolce:

Il calcio spesso regala grandi gioie, momenti indimenticabili e intense emozioni. Un mix di sentimenti che ci porta ad amare questo sport e a viverlo con grande passione. In questi anni a Pescara ho avuto la fortuna di vivere tutto questo. Di gioire con la mia città, con la mia gente, ma anche di soffrire con loro. Un percorso bellissimo iniziato con una promozione sfiorata, proseguito poi con una stagione straordinaria che ci ha portato meritatamente in Serie A, a confrontarci con grandi realtà e grandi squadre.

Oddo parla anche del suo esonero, chiedendo scusa ai tifosi e ringraziando lo staff e il presidente del Pescara:

Un percorso che termina oggi, dopo mesi difficili, durante i quali avrei voluto fortemente aiutare questa squadra a raggiungere l'obiettivo prefissato. Non ci sono riuscito e per questo chiedo scusa alla città e ai pescaresi che, nonostante tutto, non hanno mai fatto mancare il proprio sostegno alla squadra. Voglio ringraziare di cuore il mio staff, tutti i giocatori con i quali ho condiviso questa avventura e tutte le persone che lavorano con grande professionalità e dedizione ogni giorno all'interno del Pescara calcio. Infine voglio ringraziare il Presidente Sebastiani per avermi dato la possibilità di iniziare una nuova carriera, quella di allenatore, ma soprattutto per avermi regalato la gioia immensa di guidare la mia squadra del cuore. Con affetto Max Oddo e sempre #forzapescara

Possibili sostituti

Ancora non si sa chi prenderà il posto di Oddo. Sebastiani ha affidato il compito di trovare un sostituto al suo direttore sportivo e, a questo punto della stagione, le strade da percorrere sono due: affidare la squadra a un traghettatore fino a giugno - in quel caso andrebbe bene anche il tecnico della Primavera, Davide Ruscitti - oppure ingaggiare un allenatore da qui al prossimo anno che dia continuità di gioco e di rendimento.

Nelle ultime ore per la panchina del Pescara sono circolati diversi nomi. Dopo la candidatura di Gigi De Canio, sono spuntati i nomi di Liverani (reduce da un'esperienza non esaltante al Leyton Orient) e Panucci che nel 2016 è stato esonerato dalla Ternana ancor prima di iniziare la stagione. Di minor impatto l'ipotesi Ivo Iaconi, che non allena da quasi tre anni (l'ultima esperienza a Brescia). Come vi avevamo anticipato, il sogno rimane Zdenek Zeman. Ma il boemo ha chiesto un contratto di almeno due anni e non sarebbe disposto a salire a bordo prima dell'inizio della prossima stagione.

Share

Vota

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.