Lavezzi, che flop in Cina: è il peggior affare della storia?

Un matrimonio triste, quello tra Lavezzi e l'Hebei China Fortune. Zero gol e tanti milioni spesi. La consolazione per il Pocho? La bella vita e il super ingaggio.

Lavezzi in Cina

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Nessun dubbio: "Sarà il nuovo Maradona". Colui che rivoluzionerà il calcio cinese. Il nome? Ezequiel Lavezzi. L'eletto. L'uomo scelto dall'Hebei China Fortune per impreziosire la ricchissima Super League. Storia dello scorso febbraio, quando il Paris Saint Germain regalò all'argentino un biglietto per l'Oriente. Sì, sola andata. 6 milioni di euro e via, pacco regalo confezionato. Accoglienza da re, festa vera all'aeroporto. Questione di ... prospettiva. Perché El Pocho è una certezza.

E invece ... flop

Alti e bassi? No, nulla: zero. Numero tondo ma inesistente, come i suoi gol. "Va bene, ma avrà giocato qualche partita". Sì, ma poca sostanza. In totale dieci apparizioni, di cui nove da titolare. Contabilità: 3 assist e poco altro. Ma se vogliamo continuare a parlare di numeri, allora c'è da sbizzarrirsi. Qui, però, si deve tornare ai soldi. Aspetto economico. Roba grossa. Iniziamo: £493,000 a settimana. Poi si va in crescendo: due case, due macchine, un cuoco e un autista. Tutto compreso nel contratto, tutto fornito dalla società: all-inclusive.

L'infortunio di Lavezzi con l'Argentina

L'ultima vera giocata del Pocho risale al 6 maggio. Un venerdì. Quando Lavezzi servì al compagno Gervinho la palla per il gol. Poi lo stop, colpa anche della sfortuna. Questa volta in nazionale, contro gli Stati Uniti: semifinale di Copa America. Valanga Albiceleste, 4-0. Marcature aperte proprio da Lavezzi. Poi l'incidente: caduta rovinosa nei pressi dei cartelloni. Un guaio. Cinque medi di stop. Fino a novembre, ancora in maglia Albiceleste: nel match di qualificazione ai Mondiali vinto contro il Brasile. E qui iniziano altri problemi, come l'accusa rivoltagli di fare uso di stupefacenti. Il tutto seguito dalla mobilitazione generale dei compagni argentini. Con Messi davanti ai microfoni a spegnere ogni veleno. E ora spazio al nuovo anno, da poco cominciato in Cina. Nella speranza di un Lavezzi più fortunato, questa volta in campo.

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.