Hillsborough, il Liverpool bandisce a vita il Sun da Anfield e Melwood

Inasprimento dei rapporti tra il club del Merseyside e il tabloid che ha inquinato i fatti del 1989. Negato ogni tipo di accesso a stadio e campo d’allenamento.

551 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il rispetto nei confronti delle vittime supera qualsiasi tipo di rapporto professionale con gli organi di stampa. È questo il metro di giudizio adottato dal Liverpool nei confronti del Sun, che da questo weekend non avrà la possibilità di documentare ciò che succede in casa dei Reds. Il popolare tabloid inglese è stato bandito da Anfield, dal campo d’allenamento di Melwood e perfino dalle conferenze stampa indette dal club.

Liverpool Sun
The Sun esce definitivamente dalla vita del Liverpool

La scelta della dirigenza è figlia della tragedia di Hillsborough. Nel 1989, quando 96 tifosi Scousers morirono nella zona d’accesso allo stadio di Sheffield, la testata giornalistica pubblicò un reportage volto a chiarire la dinamica dell’incidente. The Truth fu il titolo scelto per un articolo che, fino al 2016, è stato considerato come principale fonte su cui costruire il processo e i relativi capi d’accusa. Ad aprile dell’anno scorso, però, il verdetto è stato ribaltato, i tifosi del Liverpool sono stati scagionati e la colpa è ricaduta sulle forze dell’ordine che non rispettarono le procedure d’emergenza. Il Sun, da sempre accusato di aver nascosto la realtà dei fatti, vide ufficialmente ribaltata la versione esposta 27 anni prima, aprendo una serie di accese discussioni con i familiari delle vittime e con la stessa dirigenza del Liverpool.

Liverpool JFT96
Il ricordo della tragedia di Hillsborough. La verità è arrivata solo l'anno scorso

Nella notte di giovedì è andato in scena l’ultimo summit tra i membri del club e quelli di Total Eclipse of The Sun, movimento che si oppone al tabloid. A partire dal match contro il Tottenham di ieri pomeriggio, i Reds hanno scelto di negare qualsiasi richiesta di accredito per giornalisti e fotografi della nota testata, rendendo off-limits non solo le partite casalinghe ufficiali, ma anche ogni evento che si svolgerà presso il campo d’allenamento di Melwood durante la settimana. Allo stesso modo, i tesserati del Liverpool non potranno rilasciare alcuna dichiarazione al Sun.

Anfield
Justice For The 96, la coreografia che ricorda le vittime

La mossa della società, che apre ad una potenziale battaglia mediatica nonostante le continue scuse (mai accettate) da parte del Sun, si ricongiunge alla linea già adottata in città. Numerosi esercenti di Liverpool hanno scelto di non vendere le copie del tabloid all’interno dei propri negozi, mentre il Liverpool City Council e il Wirral Council hanno sostenuto la campagna sui trasporti pubblici: su ogni taxi delle strade cittadine campeggia la scritta “non comprate il Sun”. Il bando imposto dal club è la chiusura del cerchio.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.