Liga, un brutto Real Madrid passa 3-1 in casa dell'Osasuna

Il Real fatica a El Sadar riuscendo ad avere la meglio della squadra di Vasiljevic solo nella ripresa: decisivo il ritorno alla difesa a 4. Brutto infortunio per Tano Bonnin.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Doveva vincere e ha vinto, il Real Madrid. Ma la squadra di Zidane fa meno paura del previsto, soprattutto pensando al match di Champions League contro il Napoli. Decisive le reti di Cristiano Ronaldo nel primo tempo e di Isco e Vazquez nella ripresa. Onore all'Osasuna che era riuscito a pareggiare dopo il vantaggio del portoghese. Il divario tecnico alla fine è venuto fuori, nonostante un campo in pessime condizioni. Zidane medita, soprattutto dopo aver vinto la partita con il cambio di modulo. La difesa a tre non ha convinto e il tecnico ha poco tempo per studiare le mosse per l'andata contro gli azzurri.

Primo tempo

Sarebbe stata una partita complicata lo si capiva già guardando i numeri del Real Madrid a El Sadar. Le merengues, in 29 precedenti, hanno vinto 11 volte e perse 9, così come i pareggi. E per di più, il terreno di gioco non aiuta minimamente il gioco degli uomini di Zidane. Il pallone rimbalza poco e male, a beneficiarne è la squadra meno tecnica.

Il primo episodio della partita da annotare - oltre al tiro largo di Benzema - è il brutto infortunio occorso a Tano Bonnin: il difensore dell'Osasuna, dopo lo scontro con Isco, rimane a terra in lacrime. Si teme la frattura della tibia. La gravità della situazione la si intuisce guardando le facce dei giocatori del Real, rimasti sconvolti dall'accaduto.

Il gioco rimane fermo per qualche minuto, tempo di soccorrere il centrale ed effettuare la sostituzione. Dentro Garcia, con Oier che scala sull'esterno. Alla prima vera occasione da gol gli ospiti passano in vantaggio: Benzema serve bene Cristiano Ronaldo in verticale, il portoghese calcia e trafigge Sirigu. Non impeccabile il portiere della Nazionale, che però avrà modo di riscattarsi più avanti.

L'Osasuna non subisce minimamente il contraccolpo, anzi. Sfrutta la rabbia agonistica per rimettere in equilibrio il matchSergio Leon scappa benissimo tra i due centrali del Real Madrid e, servito nello spazio da Fuentes, si presenta a tu per tu con Navas, scavalcandolo con un pallonetto morbidissimo. Pareggio stra-meritato per i padroni di casa, che hanno costruito più dei galacticos.

Guai concedere spazi al Real Madrid: Ronaldo ricambia il favore mettendo Benzema in condizione di spingere il pallone in rete da pochi passi, ma Sirigu si stende benissimo e chiude lo specchio al francese. Ottimo intervento dell'ex portiere del Siviglia, ma grosse responsabilità anche del numero 9. La prima frazione si conclude in parità, risultato giusto per quello che si è visto nei primi 45'.

Secondo tempo

Ci si aspetterebbe una partenza sprint da parte del Real Madrid, invece sono i padroni di casa a creare la prima occasione da gol della ripresa: Sergio Leon fa fuori facilmente Sergio Ramos - alla sua presenza numero 500 con la camiseta blanca - e prova il tiro a giro sul palo lontano, Keylor Navas vola e mette in angolo. Ottima risposta da parte del portiere costaricano.

L'infortunio di Danilo convince Zidane ad abbandonare la difesa a tre: dentro James Rodriguez, si torna a quattro dietro con Nacho che si sposta sulla fascia destra. Il Real sembra rinvigorito e l'intensità della squadra di Pamplona viene meno all'ora di gioco. I blancos riescono così a creare spazi che, fino a questo momento, gli erano preclusi.

Ed è proprio da un movimento di Benzema che Isco si inventa il varco giusto per bucare la difesa dell'Osasuna e trafiggere in diagonale Sirigu. Adesso gli ospiti giocano in scioltezza, sfiorando il tris in un paio di circostanze: in primis è Cristiano Ronaldo a provarci, ma il portiere italiano risponde presente. Qualche secondo più tardi Sergio Ramos sbaglia il colpo del ko da pochi passi.

La fine della partita si avvicina senza particolari sussulti, se si esclude il tocco morbido con cui Lucas Vazquez (entrato al posto di Benzema) supera Sirigu per il 3-1 finale. La squadra di Zidane risponde alla sestina del Barcellona e mantiene il punto di vantaggio in classifica, senza dimenticare le due partite da recuperare.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.