Maradona, accordo con Infantino: entra nella Fifa: "Realizzo un sogno"

Dopo anni di polemiche fra Maradona e Blatter, che avevano reso Diego nemico numero uno della Fifa, Gianni Infantino ha voluto assegnargli un incarico importante.

Diego Armando Maradona e Infantino sono d'accordo: il Pibe promuoverà il calcio per la Fifa

358 condivisioni 1 commento

di

Share

Era il nemico numero uno di Blatter, ora per Diego Armando Maradona è cambiato tutto. La Fifa sta cambiando e l’argentino comincerà a farne parte. Visti i buoni rapporti che intercorrono fra lui e Gianni Infantino, nuovo capo dell’organizzazione, il Pibe potrà finalmente ricoprire un ruolo di spessore. È proprio Maradona a comunicarlo attraverso un post pubblicato sulla propria pagina Facebook personale.

Adesso sì, è ufficiale. Finalmente posso realizzare uno dei sogni della mia vita: lavorare per una FIFA pulita e trasparente, insieme a persone che amano davvero il calcio. Grazie a tutti coloro che mi hanno incoraggiato ad affrontare questa nuova sfida!

Astio

Quando nel maggio del 2015 scoppiò lo scandalo Fifa, emerso con la retata dell’agenzia investigativa americana FBI, Maradona fu durissimo:

Mi hanno trattato come se fossi un pazzo. Oggi l’FBI ha rivelato la verità.

Per anni, d’altronde, Maradona aveva rivolto accuse contro la massima istituzione del calcio mondiale. 

La Fifa ha riserve di denaro di 1,5 miliardi e ci sono giocatori che non guadagnano più di 150 dollari.

Per questo ora la soddisfazione per il nuovo ruolo affinché aiuti a promuovere e sviluppare il calcio nel mondo è grande: Era il nemico numero uno di Blatter, ora le cose sono cambiate. Diego Armando Maradona non può fallire.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.