Trevor Francis, il primo affare "milionario" della storia del calcio

Il trasferimento dell'attaccante inglese dal Birmingham City al Nottingham Forest, il 9 febbraio del 1979, fu il primo a toccare la soglia di 1 milione di sterline.

Il giorno dell'arrivo di Trevor Francis al Nottingham Forest

477 condivisioni 0 commenti

di

Share

Tra le centinaia e centinaia di milioni di euro che oggigiorno entrano ed escono dai conti delle società calcistiche, tante volte senza neanche troppo criterio, c'è ancora chi può vantare, a differenza di tutti gli altri, di essere stato il primo "milionario" della storia del calcio: il suo nome è Trevor Francis e proprio il 9 febbraio di 38 anni fa diventava il primo giocatore della storia del calcio a essere pagato 1 milione. 

A dire il vero, l'allora allenatore del Nottingham Forest, un certo Brian Clough, dichiarò di aver speso solamente 999'999 sterline. Ebbene si, è vero, ma considerate le circa 150 mila sterline di bonus pagate appena qualche mese dopo, il prezzo finale supera, anche se di qualche migliaio, la soglia di 1 milione. Tra le altre cose, siamo certi che il buon Brian non abbia poi fatto ammenda o abbia solo lontanamente pensato di lamentarsi per i soldi spesi dalla società, visto che appena 3 mesi più tardi, fu proprio Trevor Francis a segnare la rete del definitivo 1-0 con il quale il Forest batté il Malmö e si aggiudicò la prima Coppa dei Campioni della propria storia

Quasi per un assurdo paradosso, il Nottingham Forest è una delle squadre con le quali Francis lega di meno. Nato a Plymouth, nel sud dell'Inghilterra, ma cresciuto calcisticamente nel Birmingham City con il quale colleziona oltre 300 presenze tra il 1971 e il 1979, l'attaccante al City Ground ci rimane appena due anni. Certo, due anni intensi e costellati dalla conquista di 2 Coppe dei Campioni (la seconda non da protagonista a causa di un infortunio al tendine d'Achille) e 1 Supercoppa Europea, ma pur sempre "solo" due anni. Il difficile rapporto con l'allenatore, i continui guai fisici e la tentazione di una nuova esperienza lo spingono prima a Manchester, sponda City, e poi addirittura in Italia dove si distingue per le sue doti con le maglie di Sampdoria e Atalanta a cavallo tra il 1982 e il 1987. 

Il suo talento non sboccerà mai davvero in modo definitivo ma le sue qualità, nel corso dei suoi 24 anni da giocatore professionista, è comunque riuscito a dimostrarle. Una lunga carriera troppe volte interrotta da gravi infortuni e lunghi stop che proprio nell'età della consacrazione lo hanno spesso condizionato e tenuto lontano dai campi di gioco. Oltre 750 presenze tra club e nazionale conditi da più di 250 gol: "Mister 1 milione", probabilmente, ne valeva anche qualcuno in più.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.