Le dieci monoposto più belle della Formula 1

Dalla Lotus di Fittipaldi alla Mercedes di Hamilton, passando per le Ferrari e le McLaren. Ecco quali sono le monoposto più belle nella storia della Formula 1.

Le McLaren di Senna e Prost

120 condivisioni 0 commenti

di

Share

Più tecnologiche, più aerodinamiche, più performanti. Ma il fascino rimane lo stesso. Quando si parla di motori è impossibile non addentrarsi nell'aspetto meramente estetico. Tra alettoni, pance laterali, flap e pneumatici, anche l'occhio vuole la sua parte. Ripercorriamo allora la storia della Formula 1 attraverso una gallery delle monoposto che hanno segnato un'epoca in questo meraviglioso e spericolato sport.

Maserati 250F - 1954

La splendida 250F ha partecipato a 46 gare di Formula 1 tra il 1954 e il 1960. Il pilota Juan Manuel Fangio vinse le prime due gare di debutto della Maserati, prima di passare alla Mercedes. E quei punti furono decisivi per la vittoria del titolo a fine stagione. Nel 1957 l'argentino tornò nella scuderia di Bologna e a bordo della 250F vinse anche quel campionato, il quarto consecutivo per lui.

Mercedes-Benz W196 - 1955

Sia che indossasse la carena "Tipo Monza" o no, la W196 resta una delle monoposto più belle ed eleganti della storia. E si è dimostrata anche molto, molto veloce. Tra il 1954 e il 1955 vinse 9 delle 12 gare disputate, conquistando il titolo entrambe le stagioni con il solito Fangio alla guida.

Eagle Mk1 - 1960

Dall'altra parte dell'Oceano Atlantico la Eagle si presenta nel mondo della Formula 1 con la sua Mk1, nota anche come T1G. La monoposto dal 'naso appuntito' - come veniva chiamata in quegli anni - aveva una splendida livrea, un mix tra bianco e blu scuro. A guidarla era lo statunitense Dan Gurney, che a bordo della Eagle conquistò anche una vittoria.

Lotus 72D - 1972

A detta di tanti appassionati, la Lotus di Fittipadi è stata la monoposto più bella della Formula 1. Lo sondo nero e le rifiniture dorante la rendono tutt'ora una vettura che lascia senza fiato. Il pilota brasiliano, nel 1972, vinse il mondiale nonostante la concorrenza delle Tyrrell, e la Lotus si aggiudicò il titolo costruttori.

McLaren MP4/4 - 1988

Dominava sia a livello di prestazioni che a livello di bellezza. Su queste McLaren è andata in scena una delle rivalità più accese del mondo dello sport, quella tra Senna e Prost. Nel mondiale del 1988 i due vinsero 15 delle 16 gare a disposizione, con il brasiliano che al termine del campionato si laureò campione del mondo.

Jordan 191 - 1991

La prima monoposto costruita da Eddie Jordan per la Formula 1 rimane una delle più belle di sempre. Inizialmente, prima di passare al giallo e nero, la monoposto (con sponsor 7Up) aveva una livrea metà verde e metà blu. Al volante la coppia Andrea de Cesaris and Bertrand Gachot, che fu arrestato dopo una rissa con un tassista. Al suo posto, per le ultime sei gare della stagione, sulla Jordan 191 si avvicendarono Alex Zanardi, Roberto Moreno e un giovanissimo Michael Schumacher.

Williams FW14B - 1992

Con il suo sponsor Canon e i colori giallo, blu e bianco, non passava di certo inosservata. Ancor di più in quell'anno, con Mansell che conquistò il mondiale piloti vincendo 9 gare su 16 e consegnando alla Williams il titolo costruttori. Che vincerà anche la stagione seguente, con Prost alla guida.

Ferrari F2004 - 2004

Così come per la McLaren di Senna, il marchio Marlboro rimane nell'immaginario collettivo appena si fa il nome della Ferrari guidata da Michael Schumacher. Probabilmente il binomio più azzeccato nella storia di questo sport: in quell'anno il tedesco vinse il suo ultimo mondiale in grande stile, al volante di una monoposto capace di conquistare 12 pole position e 15 vittorie.

Red Bull RB9 - 2013

Red Bull più motori. Un'addizione che negli ultimi anni ha portato bene all'azienda austriaca. Merito anche di un certo Sebastian Vettel, che è riuscito a vincere il mondiale piloti per quattro stagioni consecutive. L'ultima delle quali, proprio nel 2013, a bordo della sua splendente RB9.

Mercedes W05 - 2016

Le immagini della lotta tra Lewis Hamilton e Nico Rosberg sono ancora vivide nella mete degli appassionati. Ancor di più pensando alla lucentezza delle livree firmate Mercedes, garanzia di stile ed eleganza. Neanche le nuove norme sono riuscite a snaturare la bellezza della monoposto tedesca, che ha sbaragliato la concorrenza sia dal punto di vista tecnico che estetico.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.