Millwall, vincono i tifosi: il The Den non verrà abbattuto

La lunga battaglia contro l'esproprio e l'abbattimento del The Den è stata vinta dai tifosi dei Lions che non dovranno quindi migrare lontano da Londra.

Il Millwall resterà al The Den

1k condivisioni 1 commento

di

Share

Nessun esproprio, nessuna demolizione e nessun spostamento di sede. Il Millwall, o meglio i tifosi del Millwall, dopo una lunga controversia fatta di proteste, sit-in e battaglie legali, hanno vinto la partita più importante: il loro club non traslocherà, la sede legale rimarrà nel sud est di Londra e soprattutto lo stadio non verrà demolito e sostituito da centinaia di appartamenti. 

I fatti

Tutto comincia qualche mese fa quando il comune di Lewisham riceve un'offerta da una compagnia di investimenti, la Renewal Company, per riqualificare la zona di Millwall demolendo lo stadio dei Lions. La società tentenna, i soldi sono davvero tanti e la possibilità che la sede del club possa essere spostata addirittura in un'altra regione del Regno Unito diventa giorno dopo giorno una certezza. Millwall però non è solo una squadra. Millwall è una comunità fatta di tifosi ma anche di semplici cittadini che quel quartiere lo vivono giorno dopo giorno e che riconoscono nel The Den una vera e propria istituzione.

Tra questi cittadini c'è anche Willow Wiston, uno dei primi interpellati dal comune, al quale vengono offerti 58 mila sterline per lasciare la sua casa. Il suo no, netto e deciso, è solo il primo di una lunga serie che spinge i tifosi a lanciare una petizione online con lo scopo raccogliere le firme necessarie per far desistere la Renewal Company e il comune di Lewisham dal continuare il loro progetto di bonifica dell'area dell'Isle of Dog.

Solitamente le petizioni online lasciano il tempo che trovano, ma stavolta qualcosa si muove. Un pool di avvocati, incaricato dai tifosi, scava nel passato della compagnia di investimenti coinvolta nel progetto e viene a conoscenza di alcuni conti offshore alle Cayman e alle Isole Vergini Britanniche. La notizia ha sin da subito grande risalto mediatico, tanto da obbligare il comune e la Renewal a desistere e rinunciare al progetto. Sospensione a tempo indeterminato e nessuna azione intrapresa nei confronti della società. 

Il The Den continuerà a essere la tana dei Leoni di Londra e gli stessi Leoni continueranno a popolare le tribune della loro casa calcistica, così come hanno fatto ininterrottamente dal 1993. 

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.