De Laurentiis: "Higuain a Napoli non voleva giocare con due persone..."

Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis parla dei motivi che hanno portato Higuain a lasciare il Napoli per la Juventus. Poi lancia la sfida al Real Madrid.

In estate è stata la cessione più discussa: De Laurentiis spiega l'addio di Higuain al Napoli

665 condivisioni 0 commenti

di

Share

Come fosse un monologo in un film. Uno di quelli che poi fanno record di visualizzazioni su youtube. Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha rilasciato un’intervista a BeIn nella quale ha parlato della magica sfida col Real Madrid che attende la sua squadra agli ottavi di Champions League e della tanto contestata cessione di Gonzalo Higuain alla Juventus nel corso della scorsa estate.

L’Europa

Mancano solo 8 giorni alla storica partita del Napoli a Madrid col Real. Al momento del sorteggio i partenopei si sono sentiti particolarmente sfortunati: dopo aver vinto il proprio girone, si poteva pescare un avversario più abbordabile dei campioni d’Europa. Eppure oggi, quasi due mesi dopo, l’impresa sembra perfino possibile. Il Napoli è cresciuto esponenzialmente, il Real sta balbettando. Proprio per questo De Laurentiis non è affatto pessimista:

Nessuna squadra è imbattibile, sono spesso gli episodi a determinare i risultati. Noi siamo l’unica squadra di Serie A in Europa da sette anni consecutivi. Devo dire che il fatturato del Napoli è forse un quarto di quello del Real Madrid ma forse noi abbiamo più fame di loro che hanno vinto tutto. Vincere per noi sarebbe un atto eroico, per loro perdere non sarebbe un dramma.

La cessione

In estate De Laurentiis è stato criticato apertamente dai tifosi napoletani per la cessione di Higuain alla Juventus. Non si capiva il perché dell’esistenza della clausola nel contratto dell’argentino, non si capiva perché il presidente non accontentasse il Pipita costruendo una squadra in grado di vincere subito. Col lavoro di Sarri e la programmazione della società, però, il Napoli è rimasto ai vertici del calcio italiano, diventando la squadra col migliore attacco di sempre in Serie A:

Gonzalo ha una famiglia straordinaria, divisa in due bilance: una più sentimentale rappresentata dal padre e dallo stesso Gonzalo, un’altra più commerciale col fratello Nicolas e la madre. C'era questa clausola rescissoria di 95 milioni di euro per l'estero e di 90 milioni per l'Italia, abbiamo contattato Nicolas e lui disse che a Gonzalo interessava avere una squadra di nomi e star: ad un certo punto nonostante l'offerta superiore a ciò che prende dalla Juventus...è andato a Torino.

Poi un retroscena davvero curioso: secondo De Laurentiis Higuain non voleva proprio avere a che fare con due giocatori del Napoli. Stando alle parole del presidente partenopeo uno dei due semprerebbe essere Dries Mertens, attuale capocannoniere della Serie A:

Nicolas diceva che Gonzalo non voleva lavorare con Tizio, un giocatore straniero che ora sta facendo benissimo. E poi che non voleva lavorare con Caio...

De Laurentiis sa bene quali sono le frasi ad effetto, quelle da titolo, per questo le sue provocazioni vanno sempre interpretate. Ma d’altronde è giusto così. Anche con un semplice monologo si può fare record di visualizzazioni su youtube…

Share

Commenta

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.