Dai Cavs ai Cubs: Shade racconta il pazzo 2016 dello sport

Dal titolo dei Cleveland Cavaliers al trionfo dei Chicago Cubs: Shade racconta il pazzo 2016 dello sport.

4 condivisioni 0 commenti 5 stelle

Share

Anni anonimi e anni di santi. Anni di dramma e anni di trionfi. E anni in cui tutto questo si compone a raccontare storie che sopravvivono al cambio di pagina. Il 2016 dello sport ci ha dato tutto quello che volevamo, o forse no. Perché per paradosso, la fine di un paio di lunghe tradizioni può lasciare smarriti. Per oltre un secolo ci siamo cullati inconsciamente nella sicurezza che i Chicago Cubs non avrebbero più vinto nulla, e nella pluridecennale fiducia che la città di Cleveland fosse colpita da un sortilegio sportivo senza fine. A giugno nella finale NBA, i Cavs sono andati in svantaggio per 3-1 contro Golden State, e tutto era scritto per l'ennesima volta.

E invece di scritto non c'era nulla: 3-0 nel resto della serie e titolo a Cleveland, a LeBron James, a JR Smith e a gente che da quelle parti non passerà mai più inosservata. A ottobre poi, addio a un'altra certezza della vita, più dell'accoppiata morte e tasse del celebre detto americano. Dopo una Regular Season trionfale, i Cubs vincono la prima World Series dal 1908, superando per scherzo del destino i Cleveland Indians, a loro volto a secco da tre generazioni e in vantaggio 3-1 prima di soccombere. Il sorriso di Kris Bryant mentre va a raccogliere la pallina decisiva della serie, è tra i lasciti più belli di un anno sportivo che ci ha mandato in subbuglio. E che ora si conclude con la solita appendice, il Super Bowl

Share

Vota

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.