Inside The Cage: Francis Ngannou, il riscatto del leone africano

Sedetevi nella poltrona più comoda che avete e prendetevi un po' di tempo, perché la storia di Inside the Cage parte da un piccolo villaggio del Camerun. E arriva a conquistare l'UFC

156 condivisioni 0 commenti

di

Share

Francis Ngannou è il fighter del momento in UFC. Stella luminescente in una categoria appannata e attempata come quella dei pesi massimi, il francese d'origine camerunense ha conquistato in pochissimi mesi nutritissime schiere di fan, attratti magneticamente dal knockout power immenso del Predatore, che unisce un fisico statuario ad una tecnica in fase di striking sopraffina. Tuttavia, la storia personale del gigante buono Francis è tutt'altro che rose e fiori. Parecchi sono stati i sacrifici e le privazioni che ha dovuto affrontare, a coronamento di una storia personale che continua pian piano a realizzare tutti i sogni conservati nel cassetto di una casa di un piccolo villaggio del Camerun.

La favola ha inizio a Hauts-Plateaux

5 settembre 1986: la cornice è quella del dipartimento di Hauts-Plateaux, in Camerun. Nel poverissimo villaggio di Batié, nasce Francis Ngannou. Un ragazzo costretto a fare i conti con la povertà della realtà in cui vive, in uno sperduto anfratto africano dove lo stipendio medio annuale di un operaio corrisponde a poco più di 1.000 €. Parlare di istruzione scolastica obbligatoria in quelle zone è pura utopia: una legislatura adeguata in merito risale soltanto nei primi anni 2000. In questo contesto, il giovane Francis non può che adattarsi, crescendo nella povertà e svolgendo qualche lavoretto saltuario. Poi, in età adulta, la scelta: emigrare in Europa per cercar fortuna. Destinazione Parigi.

Tuttavia, la realtà per Francis è ben diversa rispetto a quella auspicata. Ngannou si ritrova senza casa, senza appoggi e senza alcun amico, parente o conoscente su cui poter contare. Il continuo versare in questa situazione lo porta per un breve periodo di tempo a vivere da senzatetto. Il giovane ragazzo camerunense continua però a custodire gelosamente i suoi sogni nel cassetto, come quello di approcciarsi alla boxe, proprio come il suo idolo Mike Tyson, la cui storia personale ricorda a tratti la sua. L'occasione arriva come una manna dal cielo per Francis: l'MMA Factory di Parigi gli offre la possibilità di allenarsi gratuitamente nella palestra, a patto di dare il suo aiuto alla manutenzione della struttura.

L'head coach della Factory Fernand Lopez però non sembra esser molto propenso a formare Ngannou nella boxe, così esce fuori l'argomento MMA. L'allenatore intravedendo le potenzialità enormi di Francis, lo convince ad allenarsi nelle arti marziali miste. Intuizione che si rivelerà vincente.

Il leone fa sentire il suo ruggito

L'esordio da pro arriva il 30 novembre del 2013. Tale Rachid Benzina soccombe a Ngannou in appena un minuto e 44 secondi del primo round, grazie a un armbar.

Appena due settimane dopo, arriva il primo ed unico stop della carriera da professionista di Ngannou: Zoumana Cisse lo sconfigge per decisione unanime. Da lì in poi, la carriera di Francis prende una svolta: inanella quattro vittorie consecutive, che gli valgono la chiamata da parte di UFC, la più importante promotion al mondo nel settore delle mixed martial arts. L'esordio del franco-camerunense avviene ad Orlando, Florida, e a farne le spese è il peso massimo brasiliano Luis Henrique, mandato KO a 2:53 del secondo round. 

Il destino degli altri avversari dati in pasto all'affamato Francis è più o meno sempre lo stesso: Curtis Blaydes, Bojan Mihajlovic ed Anthony Hamilton vengono infatti finiti tutti prima del limite, tra primo e secondo round. Spicca la gran kimura rifilata proprio ad Hamilton, che ha svelato un inaspettato lato tecnico di Ngannou a UFC Fight Night 102.

La consacrazione definitiva arriva però a UFC on FOX 23. Qui Ngannou riesce a mandare KO Andrei Arlovski, pericolosissimo veterano ed ex campione dei pesi massimi UFC. La notte del Pepsi Center di Denver consegna alla platea delle grandi MMA un peso massimo esplosivo, atletico ed in continua evoluzione. Il 2 dicembre, UFC 218, impiega 1 minuto e 42 secondi per mettere KO Overeem con un pauroso montante sinistro.

In Europa, ma con l'anima in Africa

Già così, però, si può parlare del coronamento di un sogno da parte del camerunense dal cuore d'oro. Francis Ngannou non ha dimenticato le proprie origini. Attraverso le varie uscite pubbliche susseguitesi nel corso dei mesi, il fighter africano ha sempre sottolineato a più riprese come tra le sue intenzioni vi sia quella di dare un aiuto concreto alle popolazioni del proprio paese, e soprattutto ai bambini.

Quando ho iniziato ad allenarmi non avevo nulla, e avevo bisogno di tutto. Alcuni, quando cominciano a vedere i primi soldi, spendono e spandono all'infinito, collezionando roba e oggetti costosi. Io invece voglio fare qualcosa di grande: desidero aiutare la mia famiglia, per poi dare il mio contributo a tutti i bambini del mio paese, che come me hanno avuto e continuano ad avere dei sogni. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.