51 cose da sapere sul Super Bowl LI

Vigilia del Super Bowl LI, in programma su Fox Sports (canale 204 di Sky) dalle ore 23. Il nostro Roberto Gotta, inviato a Houston, ci elenca 51 cose da sapere.

The Vince Lombardi Trophy

101 condivisioni 0 commenti

di

Share

Tornano i numeri romani, evviva. Super Bowl LI ovvero 51 e non 50. Cambia poco e cambia tutto, compreso il ritorno a colori di scelta e non al dorato delle celebrazioni dei 50 anni di Super Bowl, avvenute lo scorso anno a San Francisco o meglio Bay Area o meglio Santa Clara, dove effettivamente si giocò. In maniera assolutamente causale, ecco allora 51 cose da sapere sul Super Bowl. Del 2017, e non solo. 

1 - È la sesta volta dal 1970, quando la NFL e la ex AFL si fusero completamente dando vita alla NFL attuale, che al Super Bowl si sfidano la squadra che in regular season ha segnato più punti (Atlanta, 33.9 di media) e quella che ne ha concessi meno (New England, 15.6). 

2 - Tom Brady, quarterback di New England, è già il detentore del record per il maggior numero di passaggi tentati, completati, yard e touchdown nella storia del Super Bowl: 164/247, 1605, 13.

 3 - Parlare di Super Bowl I e Super Bowl II è come dire che Augusto divenne imperatore romano nel 14 dopo Cristo. Vale cioé solo a posteriori, perché all'epoca nessuno usava quel termine o quella misurazione. Le prime due finali di quelle che in quel momento erano AFL ed NFL si chiamavano NFL-AFL World Championship Game. Ci voleva qualcosa di più accattivante, e dalla Super Ball, una palla di gomma usata dalla figlia di Lamar Hunt, proprietario dei Kansas City Chiefs, venne per assonanza il Super Bowl. A riprendere il termine bowl già usato per le finali universitarie. 

4 - Matt Ryan, quarterback degli Atlanta Falcons, ha lanciato almeno tre passaggi in touchdown in quattro partite consecutive di playoff, compresi quelli del 2012. Mai nessuno nella storia della NFL aveva fatto altrettanto. 

Matt Ryan, quarterback degli Atlanta Falcons

5 - Il Super Bowl LII si giocherà a Minneapolis il 4 febbraio 2018. Il Super Bowl LIII ad Atlanta il 3 febbraio 2019, il Super Bowl LIV a Miami il 2 febbraio 2020, il Super Bowl LV a Los Angeles il 7 febbraio 2021. 

6 - La coppia coach-quarterback Bill Belichick-Tom Brady è al settimo Super Bowl, record assoluto nella storia. Una quinta vittoria li porterebbe al primo posto scattando Chuck Noll e Terry Bradshaw dei grandi Pittsburgh Steelers degli anni Settanta. 

7 - C'è un forte legame dirigenziale tra Patriots e Falcons. Il general manager Thomas Dimitroff e il suo vice Scott Pioli, 50 e 51 anni rispettivamente, provengono entrambi dalla struttura di New England, dopo avere avuto contatti precedenti ai Cleveland Browns. Dove nel 1993, con Bill Belichick allenatore, Pioli era un semplice osservatore, e spesso pranzava con il 28enne Dimitroff, tutto sporco della vernice con la quale dipingeva le righe del campo di allenamento della squadra. 

8 - Perché affannarsi a cercare biglietti per strada da personaggi poco raccomandabili? NFL On Location, agenzia gestita dalla NFL con Ticketmaster, offre tre pacchetti di accesso al Super Bowl. Prezzi modici, anzi no. ll pacchetto Captains per 5799 dollari dà diritto a biglietto al primo o al sesto anello, classico party prepartita di 3 ore con cibo tipico e musica texana in tendone nel parcheggio, incontro con vecchie glorie e opzione per l'acquisto di pernottamento e trasporto, oltre che accesso alla Texans House, salotto dei Texans. Il pacchetto Legends aggiunge biglietti solo al primo anello e un party-VIP in salone dello stadio, per 10.299 dollari. Infine, il pacchetto Mvp costa 10.799 dollari, e aggiunge una festa nel dopopartita, con possibilità di accesso al campo per - si suppone - scattare una infinità di selfie. 

9 - Nelle situazioni di terzo down all'interno delle 20 yard avversarie, quest'anno, Matt Ryan ha 22/31 con sette touchdown e zero intercetti in regular season, 20/22 con tre touchdown e zero intercetti nei playoff.

10 - Le conferenze stampa degli Atlanta Falcons durante la settimana del Super Bowl si sono svolte all'interno

della pista di pattinaggio - asciugata - collegata al Westin Hotel, dove la squadra è alloggiata. 

11 - Come vengono suddivisi i biglietti per la partita? Il 25,2% viene gestito direttamente dalla NFL, a ciascuna delle due finaliste va il 17,5%, alla squadra di casa (Houston Texans) il 5%, a ciascuna delle altre 29 squadre l'1,2%.

12 - L'alimentazione di Tom Brady e della famiglia viene curata da uno chef personale chiamato Allen Campbell, seguace di una filosofia nutritiva che pone accento fortissimo su alimenti di origine vegetale. Pressoché banditi carboidrati e zuccheri. Alcuni anni fa lo stesso Brady stroncò pubblicamente l'ossessione americana (e non solo) per le bevande gassate e i cereali da colazione ricoperti di zucchero.

 Tom Brady
Tom Brady

13 - Atlanta e New England arrivano al Super Bowl con una serie complessiva di 15 vittorie. 9-0 i Pats e 6-0 i Falcons, che in queste sei vittorie hanno avuto una media di 39 punti segnati. È la prima volta che una squadra giunge al Super Bowl segnando più di 30 punti nelle sei gare precedenti.

14 - Ci sono ben sette laureati della John Carroll University nello staff tecnico dei New England Patriots: l'offensive coordinator Josh McDaniels, il responsabile giocatori Nick Caserio, il vice-allenatore dei quarterback Jerry Schuplinski, il responsabile personale tecnico Dave Ziegler, l'assistente Nick Caley, l'osservatore Frank Ross e l'assistente osservatore DJ Debick. È il modo americano di essere o fare i raccomandati: non necessariamente per parentela, ma per comune provenienza universitaria.

15 - Si chiama Jack - notizia imperdibile, vero? - il cane che recita (da cane, dunque perfettamente) con Tom Brady nello spot televisivo della Intel che promuove i replay ad altissima tecnologia che si vedranno al Super Bowl. Jack ha cinque anni ed è del Vermont, dunque del New England.

16 - La NRG Energy (che è come se una ditta si chiamasse K Kappa) ha installato tra stadio e zone centrale aperta al pubblico 12 stazioni dotate ognuna di 120 caricabatterie portatili per cellulari. Il giorno della partita saranno concessi gratuitamente ai tifosi, che li dovranno poi restituire. Per impedire furti viene infatti preso il numero della carta di credito di chi noleggia un caricabatterie.

17 - La famiglia media di Boston guadagna l'equivalente annuo di circa 79.000 euro. Quella di Atlanta 60.000. Divario ancora maggiore nel valore degli immobili per abitazione: 527.000 Boston, 173.000 Atlanta. 

18 - Nate Ebner, giocatore di punta degli special team di New England, ha saltato parte del precampionato per un motivo molto valido: stava giocando le Olimpiadi di Rio con la nazionale americana di rugby a 7. Al ritorno, se non altro, era in perfetta forma fisica.

Nate Ebner

19 - Sono 206 i giocatori ad aver vinto un anello di campione del Super Bowl con i New England Patriots. La lista comprende anche quelli che nel giorno della partita erano in lista infortunati, sospesi o membri della squadra che può solo allenarsi senza giocare. 

20 - Tom Brady è abituato alle striscioline luccicanti che vengono sparate in aria durante la premiazione del Super Bowl. Non solo perché ne ha già vinti quattro, ma perché quando era al debutto nella NFL il titolare, Drew Bledsoe, per fargli uno scherzo nascose un sacchetto di brillantini nella ventola della sua auto. Non appena accese l'aria condizionata, Brady fu avvolto dalla nuvola brillante sparata dalla propulsione. 

21 - Julio Jones, principale ricevitore di Atlanta, è stato il migliore della NFL per yard a partita, con 100.6. Jones è anche l'unico giocatore nella storia ad avere almeno 180 yard e due touchdown in due partite di playoff. La sua media-playoff di 110.4, in cinque partite, è la più alta di sempre.

22 - Accanto all'NRG Stadium, sede del Super Bowl, l'Astrodome sembra la palestra secondaria, piccolo come appare. Al momento della sua apertura nel 1965, però, era considerato l'Ottava Meraviglia del Mondo, magari con gigantismo tutto americano. In realtà, il Dome è in parte stato costruito scavando nel terreno, dunque le sue dimensioni reali all'interno sono maggiori di quelle, davvero modeste, che appaiono a prima vista.

NRG Stadium
NRG Stadium

23 - La piscina del Marriott Marquis di Houston, sede centrale della NFL durante il Super Bowl e inaugurato due mesi fa, è a forma di stato del Texas. Sul serio.

24 - Secondo medie degli ultimi anni, circa un milione e mezzo di americani si daranno malati lunedì 6 febbraio, per smaltire l'eccesso di cibo, di alcol, di festeggiamenti o delusioni.

25 - New Orleans e Miami (identificata ufficialmente come South Florida, per la condivisione tra Miami e Fort Lauderdale) hanno ospitato 10 Super Bowl a testa. Seguono Los Angeles (7), Tampa (4), San Diego, Phoenix/Arizona, Houston (3), Atlanta, Detroit, San Francisco/Bay Area (2), Minneapolis, Dallas/North Texas, Indianapolis, New York/New Jersey, Jacksonville (1).

26 - Dal Super Bowl XXV del 1991, solo tre coach vincenti sono riusciti ad evitare la classica doccia di Gatorade, la bevanda energetica.

27 - Sono quattro le squadre a non avere mai giocato un Super Bowl: Cleveland Browns, Detroit Lions, Houston Texans e Jacksonville Jaguars. Le prime due fanno parte della lega da ben prima che il Super Bowl venisse così chiamato dopo la fusione AFL-NFL, mentre i Texans esistono dal 2002 e i Jaguars dal 1995.

28 - L'inno nazionale cantato da Whitney Houston prima del Super Bowl XXV piacque così tanto da uscire poi come singolo sette giorni dopo la partita.

Whitney Houston
Whitney Houston

29 - Ai dirigenti locali piace dire, e sentir dire, che a Houston se lavori duro e sogni in grande puoi ottenere qualsiasi cosa. Si vede che i tanti poveracci che arrivano a malapena a fine mese non lavorano abbastanza e sognano al massimo di farsi una birra. O forse è il solito slogan fasullo. E a proposito…

30 - … chissà quanti dei circa 250.000 nuovi residenti di H-Town dal 2010 ad oggi sono arrivati con quella frase in mente. Dal 2004, anno del Super Bowl XXXVIII, la popolazione della città è infatti passata da 5,1 a 6,6 milioni.

31 - Dopo la vittoria ad Atlanta su Georgia Tech, nell'autunno del 2007, Matt Ryan, all'epoca quarterback del Boston College, mandò un sms alla madre con le parole «Mamma, prima o poi dovresti visitare questa città. È bella. Ci vivrei bene» Qualche mese dopo i Falcons lo scelsero al numero 3 assoluto nel draft.

32 - Ron Katz, 53 anni, avvocato di Denver, è stato agli ultimi 11 Super Bowl ma solo una volta ha assistito alla partita, nel 2014, quando proprio i Broncos del suo cuore giocarono (e persero) contro Seattle. Negli altri casi si accontenta di vivere l'atmosfera delle città, prenotando con mesi di anticipo stanze d'albergo e ospitate in trasmissioni televisive.

33 - Le stanze di hotel disponibili a Houston e dintorni per il Super Bowl XXXVIII dell'1 febbraio 2004 erano 44.000 (mai che dicano 44.001 o 43.999, mai). Per l'edizione di quest'anno sono 84.000 (mai che dicano… ok, ci siamo capiti).

34 - Tra le altre cose che non dicono (vedi sopra) è che già da marzo 2016 chi volesse fare anche solo la prova di prenotazione di una stanza nel perimetro della "tangenziale" doveva prevedere la spesa di almeno 400 dollari a notte. Gli aumenti in alcuni casi hanno toccato il 600%. Evviva.

35 - Il Super Bowl si gioca alle 17.30 ora locale di Houston, a sole ormai calato dietro le altre tribune dell'NRG Stadium. Tom Brady dunque non avrà bisogno della preparazione a cui sottopone i suoi ricevitori per le partite delle 13: per abituarli li manda a ricevere lanci di riscaldamento nel punto esatto del campo in cui, girandosi, avrebbero il sole in faccia durante il gioco.

NRG Stadium
NRG Stadium

36 - La guida ufficiale della NFL per i giornalisti indica che dagli hotel riservati ai media partirà a intervalli regolari, il giorno della gara, una serie di "motor coaches". Cioé pullman. Curioso che sia stato specificato "motor": forse, visto che siamo in Texas, qualcuno altrimenti avrebbe equivocato pensando alle carrozze a cavallo (coaches al plurale, appunto).

37 - Tra i record dell'attacco dei Falcons di quest'anno, il fatto che siano stati 13 i giocatori a ricevere un passaggio in touchdown da Matt Ryan.

38 - Quanto sarà lunga l'esecuzione dell'inno nazionale cantato da Luke Bryan, la stella della musica country? Sembra una domanda stupida ma se la fanno in tanti, e la durata è oggetto ogni anno di scommesse. Lo sa lo stesso Bryan, a cui è stato chiesto da un amico probabilmente interessato a intascare qualche dollaro. Al momento in cui scriviamo si parla di 2'09" come margine, superato il quale gli scommettitori entrano nel campo dell'over.

39 - Il Super Bowl XXXVIII fu giocato a Houston l'1 febbraio 2004. Tre giorni dopo Facebook fu lanciata ufficialmente. Occasione persa per caricare decine di migliaia di foto in tempo reale.

40 - John Loughery, zio di Matt Ryan, è stato quarterback a Boston College, proprio come il nipote. A sostituirlo fu nel 1981 Doug Flutie, poi protagonista di una grande carriera universitaria prima di passare alla NFL, alla Canadian Football League (tre titoli vinti) e chiudere la carriera con i New England Patriots.

41 - Questi gli arbitri del Super Bowl LI: arbitro capo Carl Cheffers (17 anni di NFL, maglia numero 51), poi Dan Ferrell (14 stagioni, maglia 64), Kent Payne (13 stagioni, maglia 79), Jeff Seeman (15 stagioni, maglia 45), Doug Rosenbaum (16 stagioni, maglia 67), Dyrol Prioleau (10 stagioni, maglia 109), Todd Prokup (8 stagioni, maglia 30).

42 - Atlanta potrebbe essere la prima squadra ad avere quattro debuttanti titolari in una difesa del Super Bowl. I linebacker Deion Jones e De'Vondre Campbell, il cornerback Brian Pool e il safety Keanu Neal.

Deion Jones
Deion Jones

43 - Con l'edizione LI saranno dieci quelle in cui viene eseguita, oltre all'inno nazionale, America The Beautiful, altro brano unitario. La prima volta fu per il Super Bowl XI del 9 gennaio 1977, poi un lungo intervallo prima della seconda, Super Bowl XXXV, 28 gennaio 2001.

44 - Le due finaliste hanno avuto un percorso quasi uguale contro le cinque avversarie comuni della stagione 2016: vittoria contro Arizona, Denver, LA Rams e San Francisco e sconfitta contro Seattle. I Falcons hanno poi però battuto i Seahawks nei playoff, 36-20.

45 - Nella città di Houston si parlano, a quanto pare, 145 lingue o dialetti diversi. A occhio e croce, di conseguenza, la lingua parlata peggio, è l'inglese, o l'inglese americano.

46 - Al primo lancio della sua carriera professionistica, Ryan, nel 2008, lanciò un passaggio in touchdown a Michael Jenkins, per 62 yard, dopo 1'27" della partita contro Detroit. Nello stesso giorno, Tom Brady si rompeva il legamento crociato anteriore del ginocchio.

47 - Tutto è più grande in Texas. Anche i numeri. Tre infatti vale… quattro, a giudicare dalla frase, testuale, di un comunicato stampa: "nel 2004 Houston era la casa di quattro squadre professionistiche: gli Astros (baseball), i Rockets (basket) e i Texans (football)".

48 - Il padre di Tom Brady si chiama Tom pure lui. L'attuale quarterback dei New England Patriots è il quarto figlio, dopo tre ragazze, e Tom senior fu così felice di avere un maschio da sviluppare con lui un rapporto da amico, non da genitore. «Tommy era il mio migliore amico» disse al New York Times due anni fa.

Tom Brady
Tom Brady

49 - A 36 ore dalla partita restavano in vendita circa 1500 biglietti a un prezzo minimo di 2300 dollari, sul sito specializzato stubhub. 

50 - Parliamo di vil denaro? No? Invece sì. Ciascun giocatore della squadra vincitrice del Super Bowl riceve un premio di 107.000 dollari. Agli sconfitti invece 53.000 a testa. Lo scorso anno le cifre erano rispettivamente 102.000 e 51.000. Insomma, a perdere un Super Bowl, in misurazione qualunquistica, si guadagna comunque una somma di denaro sufficiente a far vivere una famiglia di tre persone per un anno intero. In Italia, almeno.

51 - Speravate di evitarla, e invece eccola qui proprio in chiusura. Cosa? La rituale statistica sul cibo, la più banale che si possa dare. Nel giorno del Super Bowl gli americani consumeranno (=divoreranno…) circa tre tonnellate di tacos e guacamole e cinque tonnellate di patatine. Complessivamente, non a testa, anche se a guardare certe foto sembra sia il contrario.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.