Barcellona, il ritorno di Ronaldinho: "Messi è come Maradona"

Il brasiliano è tornato come ambasciatore del club catalano: "Ricordo il primo gol di Messi. Ho subito pensato: questo è un fuoriclasse. Neymar? Un fenomeno".

Ronaldinho

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Era emozionato, ieri sera, Ronaldinho: il Barcellona gli aveva riservato un evento in grande stile per presentare il suo nuovo ruolo di ambasciatore del club agli eventi istituzionali e a tutto ciò che è connesso all'Unicef, un'organizzazione a cui il Barça è da sempre molto legato. Una presentazione che avveniva a quasi 14 anni di distanza dall'altra, quella del 2003, quando Ronaldinho approdava in blaugrana, a 23 anni, inaugurando il periodo migliore della sua carriera.

In cinque anni a Barcellona, infatti, il brasiliano ha vinto due volte la Liga e una la Champions League, oltre a un Pallone d'oro, e ha segnato 94 gol in 207 presenze. Fra i suoi compagni dell'epoca c'era anche Luis Enrique e proprio l'attuale tecnico blaugrana ha voluto ricordare con affettuosa ironia l'arrivo del brasiliano:

Indimenticabile la sua presentazione: sembrava più un surfista che un calciatore. Scherzi a parte devo dire che Ronaldinho, oltre alle sue grandi doti tecniche, ci portò anche tanta allegria in un momento in cui ne avevamo davvero poca.

Ronaldinho e Luis Enrique hanno giocato insieme nel Barcellona (foto MD)

Il brasiliano, da parte sua, si è detto felicissimo di tornare al Barcellona come ambasciatore, anche perché, viaggiando, si è accorto che nel mondo il suo nome è associato ai colori del club catalano:

Qui ho lasciato tanti amici, anche fra i giocatori. Ricordo gli esordi di Messi, era un ragazzino. Fui io a dargli l'assist per il suo primo gol, in un match contro l'Albacete. Fece un gol straordinario e io pensai: questo è un fuoriclasse, è nato un 'crack'. Non ha mai avuto bisogno di consigli, nemmeno da ragazzino, sapeva sempre che cosa fare. Lui è il migliore del suo tempo, come Maradona lo era del suo.

Un modo intelligente per anticipare le immancabili domande sui paragoni, impossibili e pericolosi. Ma Ronaldinho Gaucho è brasiliano, di sangue e di testa, e non poteva dimenticare i grandi brasiliani del Barcellona di ieri e di oggi:

Gente come Romario, Ronaldo e Rivaldo sono nella storia di questo club. Oggi tocca a Neymar, che è un fenomeno, un idolo del calcio brasiliano oltre che un amico, e in futuro ci saranno sempre altri grandi brasiliani qui.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.