Dalla 24 Ore di Le Mans alla Formula 1: McLaren e BMW di nuovo insieme?

L'accordo tra McLaren e Honda è in scadenza e la casa britannica starebbe pensando alla BMW per una nuova partnership nel mondo delle corse.

La McLaren che ha vinto a Le Mans nel 1995

24 condivisioni 0 commenti

di

Share

Un disastro il primo anno, la mediocrità nel secondo. Non si può certo dire che il binomio McLaren-Honda stia portando i frutti sperati, come era successo tra la fine degli anni '80 e primi '90. Le frecce non vedono l'argento da un bel po' - se è per questo nemmeno il bronzo - ecco perché la casa inglese starebbe pensando al divorzio. Che si potrebbe consumare già alla fine della stagione 2017. Anche perché a Woking avrebbero pronto un accordo con la BMW: non solo Formula 1, le due aziende automobilistiche starebbero collaborando fianco a fianco allo studio e alla sviluppo di tecnologie riservate ai motori di nuova generazione. L’obiettivo? Migliorare le prestazioni riducendo le emissioni.

Passato glorioso

Non sarebbe la prima volta che dalla fusione di McLaren e BMW esca fuori un prodotto vincente. È il caso della vettura che nel 1995 vinse la 24 Ore di Le Mans: si trattava della GTR spinta da un motore V12 con Dalmas, Lehto e Sekiya al volante.

Nelle ultime due stagioni i piloti hanno lamentato una carenza dal punto di vista della potenza dei motori Honda. Servono più cavalli per tornare competitivi e la BMW in fatto di velocità sa il fatto suo. Non è un caso che proprio i tedeschi fornirono alla McLaren un V12 con 635 cavalli per costruire l'auto più veloce del pianeta. Era il 1998 e il record di 400 Km/h è stato battuto solo 10 anni più tardi.

E il futuro?

Dopo questa notizia la Honda è sotto pressione, sa che la prossima stagione sarà determinante per il rinnovo dell'accordo. Dall'altra parte c'è una BMW che ha sempre ripetuto il proprio interesse a tornare nel mondo della F1. Per il momento però si lavora sui nuovi motori. Le novità - oltre che sulle auto tedesche - saranno destinate alle McLaren del 2020.

Il progetto è finanziato al 50% dall’Advanced Propulsion Centre, società pubblica britannica che supporta le ricerche innovative dei costruttori: l’investimento è di 32 milioni di euro. Inoltre ci sarà la collaborazione della Ricardo (costruttore dell'attuale 3.8 V8 biturbo impiegato su tutta la gamma McLaren), dell'Università di Bath, di Grainger & Worrall, azienda specializzata nella fusione di leghe leggere, e della Lentus Composites.

Share

Commenta

Con il tuo consenso, questo sito internet utilizza cookies di terze parti per migliorare la tua esperienza. Puoi conoscere di più sul nostro utilizzo dei cookies e su come modificare le impostazioni nella nostra Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all'utilizzo dei cookies.